mfioretti: terre dei fuochi*

Bookmarks on this page are managed by an admin user.

2 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting / - Bookmarks from other users for this tag

  1. il 60 % dei residenti nel triangolo dei veleni svilupperà un tumore o altre patologie. Come fa a dire una cosa del genere?
    “Il lavoro scientifico che non solo io ma un gruppo di ricercatori sta portando avanti sulla Terra dei fuochi parte da lontano. I primi dati risalgono al 1977 e furono raccolti da mio padre in un libro bianco (Ambiente e Salute) che si riferiva a uno studio sui lavoratori delle industrie e sulle patologie che questi sviluppavano. Poi abbiamo raccolto dati dal 2001 al 2005 e dal 2005 al 2008 su un particolare tumore, il cancro alla mammella. Poi abbiamo studiato l’intensificarsi di altre patologie che negli anni si sono manifestate in maniera sempre più conclamata: patologie cardiovascolari, problemi respiratori e malformazioni genetiche. Inutile nascondere la realtà: il trend di queste malattie è in aumento. E contemporaneamente in quelle zone della Campania, nella Terra dei fuochi, si accumulano rifiuti tossici, dove sono presenti sostanze cancerogene”.
    http://www.rizeup.it/terra-dei-fuochi-sei-persone-su-dieci-si-ammaleranno
    Voting 0
  2. E' un attacco su due fronti, gli scarti industriali pericolosi che illegalmente arrivano in Campania dal nord e gli scarti delle fabbriche del sud che lavorano in nero e quindi in nero smaltiscono: "Ogni giorno - scrive l'oncologo Antonio Marfella su facebook - noi dobbiamo registrare in falda profonda i tossici, tipo cianuro, che vi hanno sversato dalle industrie del nord. Ma ogni giorno nella 'Terre dei fuochi' si lavora in nero e si sversano nei campi i solventi e gli sverniciatori del settore merceologico della produzione in nero di scarpe, borse e tessili. Questi non sono veleni del nord, questi sono i veleni prodotti nelle nostre zone dove non si rispetta l'uomo e il suo lavoro".
    La "pattumiera d'Italia": fra disastri ambientale e morti sospette

    Disgustato anche padre Maurizio Patriciello, il don che da tempo ormai si batte affinchè alla "Terra dei fuochi" venga riconosciuta un pò di dignità. "Il 'Dramma Caivano' deve diventare un caso nazionale - scrive sulla sua pagina facebook - Altri pozzi sequestrati. Acqua al veleno. Acqua avvelenata. Acqua velenosa.
    http://casoria.napolitoday.it/caivano/pozzo-inquinato-caivano-reazioni.html
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 1 Online Bookmarks of M. Fioretti: Tags: terre dei fuochi

About - Propulsed by SemanticScuttle