mfioretti: money* + euro*

Bookmarks on this page are managed by an admin user.

14 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting / - Bookmarks from other users for this tag

  1. The euro zone is to benefit German industrial output.

    ECB turned off the money supply to Greece to force Greece to its knees. Once there was unconditional surrender, a choice between suicide or execution, ECB turned back on the money supply to Greek banks. The money that was lent, flowed back out to pay off international creditors, a point Germans should note when they keep referring to bailing out Greece.

    The Fourth Reich showed they would happily destroy a country if that country did not give in to its demands. They forced onto Greece, not only a surrender, but an unconditional surrender, part of which is rape and pillage of the country, enclosure of the commons, sell off of Greek assets on the cheap. But at least we all now know what the Fourth Reich is capable of, Its brutality was exposed for all the world to see. At least Podemos in Spain now know exactly what they are dealing with.

    It was meant to set an example to Podemos, do not dare oppose the Fourth Reich this too will be your fate.

    But it has had had the opposite effect, for pro-democracy activists across Europe to double their efforts to defeat the Fourth Reich.

    What we have learnt, we have to work from the grass roots upwards. Syriza has grass roots support that most parties would die for, the NO vote showed that. But it was not enough. We have to restructure society from the bottom up.

    Greece may have lost a battle, but not the war, the fight continues.

    John Cassidy, writing in The New Yorker:

    Syriza’s surrender wasn’t necessarily an ignominious one. As Lenin commented of the failed 1905 revolution in Russia, it was a retreat for a new attack, which ultimately proved successful. “I’m not going to sugarcoat this and pass it off as a success story,” Tsipras said to parliament on Wednesday, prior to the vote, acknowledging that the spending cuts and tax increases contained in the agreement would deal another blow to the Greek economy. However, that wasn’t the full story, Tsipras insisted. “We have left a heritage of dignity and democracy to Europe,” he said. “This fight will bear fruit.”

    The euro zone is to benefit German industrial output.

    The problem Greece has is many idle hands, work that needs doing, and no money to connect the two. What connects the two is money.

    In the Great Depression there was no money, in US banks were closed, because they were bust.

    They created scrips, alternative currencies, across Europe and in the States. They were successful, incredibly successful. The reason they do not exist today is because they were too successful, the Central Banks closed them down.

    In 1931, a German coal mine operator decided to open his closed mine by paying his workers in wara. It was backed by coal. Because it was backed by coal, which everyone could use, local merchants and wholesalers were persuaded to accept it. The mining town flourished, and within the year at least a thousand stores across Germany were accepting wara, and banks began accepting wara-denominated deposits. Feeling threatened, the German government tried to have the wara declared illegal by the courts; when that failed, it simply banned it by emergency decree.

    The following year, the depressed town of Wörgl, Austria, issued its own stamp scrip inspired by the success of the wara. The Wörgl currency was by all accounts a huge success. Roads were paved, bridges built, and back taxes were paid. The unemployment rate plummeted and the economy thrived, attracting the attention of nearby towns. Mayors and officials from all over the world began to visit Wörgl until, as in Germany, the central government abolished the Wörgl currency and the town slipped back into depression.
    https://keithpp.wordpress.com/2015/07/27/an-alternative-greek-currency
    Voting 0
  2. single currencies are never the product of debates about optimal economic solutions. Instead, currencies like the U.S. dollar itself are the result of political battles, where motivated actors try to centralize power. This has most often occurred “through iron and blood,” as Otto van Bismarck, the unifier of Germany put it, as a result of catastrophic wars. Smaller geographic units were brought together to build the modern nation state, with a unified fiscal system, a common national language that was often imposed by force, a unified legal system, and, a single currency. Put differently (with apologies to sociologist Charles Tilly), war makes the state, and the state makes the currency.
    http://www.washingtonpost.com/blogs/m...out-the-euro-crisis-or-the-u-s-dollar
    Tags: , , , , by M. Fioretti (2015-07-28)
    Voting 0
  3. The last 50 years of Western European history was a central planners dream, a blank slate upon which a new Europe was forged. War powers were shifted from militaristic to economic goals. Germany was rebuilt into the great manufacturing power it is today. France, Italy, Spain all enjoyed multi-decade years of growth. From the wreckage of war, a new era of European power was born.

    The hubris of these planners culminated in the creation of the EU and the Euro. Their shining example of what cooperation between nation-states could achieve.

    Now, almost 22 years have passed since the introduction of the Masstricht treaty's Euro and the entire system is on the verge of collapse. Brussels and the ECB are scrambling to try and undo years of corrupt deals and agreements that stripped Greece of its dignity and fostered the ruling leftist Syriza and the growing right wing Golden Dawn parties. Both have proclaimed they will not further suffer the cannibalistic policies of the Troika any longer. The dream of a unified Europe is on the ropes and there may only be days left to save it.

    The root cause of the cracks driving Greece away are misallocated and corrupt power, money, and influence. The institutions of the EU and ECB were built with high ideals, but the individuals who run them are political animals whose primary duty was to corporations, the wealthy and minimizing the appearance of exploding sovereign debt.

    Greece's technocrats mis-used billions of dollars of EU loans to placate their populace for years and to entrench an elite class of bankers, businessmen and other power hungry individuals into power. By doing this, they left the country in economic shambles, unable to provide its own citizens jobs and opportunities and devoid of any meaningful competition.

    Greece will never be able to pay down their debts by the current agreements. Its citizens will starve first before they ever pay down their debt. Current EU debt stands at €12 trillion dollars, with the Greek portion making up more than €300 billion. Recent comments by Greek FinMin Yanis Varoufakis were uncomfortably true when he said that his country is “insolvent” and “bankrupt.” He is correct is his understanding that the house of cards the Euro was built on can easily come crashing down if any one country decides to pull out.

    Their debt is not owed to their populace, but the to creditors of Europe, the all-powerful Troika, who declared there will be no negotiations. So, Alexis Tsipras has demanded the Troika listen to the will of his people, rather than the planners in Brussels. Neither side can let the other win.
    http://sputniknews.com/analysis/20150220/1018519402.html#ixzz3SHKLEQMk
    Voting 0
  4. Biasco dà completamente i numeri. L’ordine di grandezza che lui cita per la nostra svalutazione non ha precedenti storici di rilievo nemmeno in paesi economicamente disastrati, in particolare non si è presentato durante la crisi Argentina del 2002, da lui esplicitamente citata, ed è dieci volte superiore a quello che studiosi seri come Paolo Savona (nonché tutti gli studi applicati che vi ho citato sopra) indicano come verosimile nel nostro caso: il dollaro aumenterebbe di qualcosa fra il 20% e il 30%. Come dimostro nel mio ultimo studio, una simile svalutazione comporterebbe un aumento del prezzo della benzina di circa 12 centesimi al litro, minore dell’aumento di 16 centesimi delle accise che Monti ci ha imposto per restare nell’euro.

    Post scriptum per gli espertoni – Qualcuno dirà: “Maestraaaa! Bagnai bara! Ha inserito nel suo campione anche gli anni di Bretton Woods, nei quali il cambio era fisso, ed è per questo che l’incidenza percentuale delle svalutazioni catastrofiche è così bassa”. Cari espertoni, continuate a far rima con voi stessi. C’è una cosa del sistema di cambi fissi di Bretton Woods che nessuno ricorda: il fatto che i cambi erano aggiustabili. Nel periodo dal 1957 alla metà del 1971, quando Nixon tirò il pacco al resto del mondo sospendendo la convertibilità del dollaro in oro, i quattro sfortunati paesi che abbiamo considerato hanno sperimentato ben 55 riallineamenti, fra cui anche 14 rivalutazioni. Succede nell’11% dei mesi considerati ed è quindi un evento abbastanza frequente, e in almeno un caso (quello del Congo, nel giugno del 1967) piuttosto rilevante (il prezzo del dollaro aumentò del 100%, cioè raddoppiò). Dovete cacciarvelo in testa: non è mai esistito un sistema monetario rigido come l’euro, ed è per questo che l’euro crollerà. Volete aiutarci a farlo in modo controllato, o volete restare sotto le macerie? La risposta spetta a voi, ma per darla correttamente imparate a distinguere chi dà i numeri per motivi di bassa cucina politica da chi cerca di informarvi correttamente. Ne va del futuro dei vostri figli, se vi interessa.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/...-benzina-andrebbe-a-3000-lire/1317342
    Voting 0
  5. La situazione dell'inflazione nell'Eurozona è diventata sempre più difficile". Così il governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi, durante un convegno a Francoforte testimonia come sia alta l'attenzione che l'istituto centrale dedica al pericolo della deflazione. Non a caso, il governatore torna a ricordare che la Bce farà "tutto quello che dobbiamo fare per alzare l'inflazione e le aspettative d'inflazione il più veloce possibile

    Draghi sottolinea nel suo discorso come pure i prezzi 'core', cioè depurati delle componenti temporanee, siano a livelli troppo bassi da troppo tempo: "La debolezza della domanda sta giocando un ruolo" decisivo. Per di più, i salari stanno crescendo al minimo livello da tre anni e per i lavoratori non c'è forza sufficiente, visto lo stato generale dell'economia, per richieste di aumenti: altri fattori che tolgono pressione inflattiva.

    La ricostruzione del governatore, a questo punto, è cristallina: "Abbiamo già avuto una bassa inflazione in passato, spinta giù dai prezzi dell'energia - è stata addirittura negativo nel 2009. Ma a quel tempo, l'inflazione di fondo si stava già muovendo verso l'alto visto che l'economia era in ripresa, tanto che ci ha tranquillizzati sul fatto che la dinamica dei prezzi sarebbe risalita nel medio termine. Questa volta, il quadro generale è diverso".

    Oltre a impattare su aspetti noti, quali la mancata riduzione effettiva del costo del debito e il crollo dei consumi sull'aspettativa di prezzi più bassi, Draghi si focalizza su quanto sia pericoloso che il basso livello di inflazione diventi 'endemico' alle aspettative di inflazione anche a lungo termine. Sapendo infatti che i prezzi resteranno costanti, un investitore sa che il tasso reale sarà maggiore. Così rimanderebbe il suo investimento. E visto che la Bce ha già al minimo i tassi, non si potrebbero azionare leve ulteriori e si sfocerebbe in un restringimento monetario, che è proprio l'opposto degli obiettivi di Draghi.
    http://www.repubblica.it/economia/201..._bce_deflazione_prezzi-101075135/?rss
    Voting 0
  6. il famoso cambio 1 a 1 tra il marco dell'ovest e quello dell'est non è affatto stato un grazioso omaggio della Germania capitalista ai cugini separati, ma lo strumento attraverso il quale, coscientemente, Bonn ha distrutto l'economia di Berlino rendendole impossibile competere. Da qui la decisione, anche questa passata come un intervento umanitario di privatizzare tutto il privatizzabile attraverso una società pubblica, la Treuhand, che, in pochi anni, ha venduto circa 8.500 fabbriche dell'Est, sottocosto, consegnandole alle concorrenti dell'Ovest. Il risultato è stato la distruzione, letteralmente, della capacità produttiva di un intero popolo, peraltro ricco, e l'assoggettamento di un sistema industriale alle necessità di alcuni colossi dell'Ovest.

    Un processo di privatizzazione condotto in modo selvaggio e condito da suicidi e bustarelle che, a Berlino, volavano come coriandoli tanto da rendere necessaria una legge che sollevava i dipendenti della Treuhand da ogni responsabilità penale in relazione a fatti di corruzione.
    http://www.italiaoggi.it/giornali/det...0la%20sua%20ex%20Germania%20orientale
    Voting 0
  7. how restricting ourselves to the Western mindset, mythologies, philosophies and understanding of human relationships robs us of valuable knowledge and tools that are critical to our being able to respond to systemic crises.

    The notion of a “national currency” is disappearing with mobile technology and alternative currencies – if not disappearing then adapting. We are seeing post-national means of exchange arising, as well as sub-national ones. By now everyone has heard of BitCoin, but did you know that cross-border mobile money transfer between Tanzania and Rwanda is already happening? Liquidity exchanges for poorer people are also driving innovations such as Bangla-Pesa: an alternative currency developed in a Mombasa slum which incurred a violent reaction from the state before anybody really understood what was really happening, and why. In the Edgeryders community, this resonates our own @Matthias's Makerfox based on a homebrewed network bartering algorithm.
    https://edgeryders.eu/all-our-futures-and-africa
    Tags: , , , , , , by M. Fioretti (2014-05-30)
    Voting 0
  8. Che una moneta senza Stato non avesse senso, che partire dalla moneta fosse il modo più sicuro per non arrivare allo Stato, non è né una grande scoperta né una grande novità. Lo aveva affermato Nicholas Kaldor nel 1971, un mese dopo l’uscita del Rapporto Werner (il primo progetto di unione monetaria). Kaldor specificava che lo sforzo per restare nella moneta unica avrebbe causato tali pressioni sulle politiche fiscali nazionali da compromettere il futuro politico dell’Europa. Ora è sotto gli occhi di tutti. Quando nel 2011 Berlusconi disse (per poi smentirsi) che “il problema dell’euro è che è l’unica moneta al mondo senza uno stato”, la levata di scudi fu unanime. Tuttavia, dal punto di vista economico, la sua frase era più fondata dello squallido teatrino “sì all’euro, no all’austerità” al quale stiamo assistendo. Perfino Alberto Alesina e Francesco Giavazzi ammettono obtorto collo come fosse noto che con l’euro “si rischiava un aumento della tensione all’interno dell’Europa” (Corriere della Sera del 9 febbraio), anche se loro si rifanno all’ortodosso Martin Feldstein, che l’aveva detto nel 1997, pur di non citare il keynesiano Kaldor, che l’aveva detto 26 anni prima. Sapete, quando sei “sulla frontiera della ricerca” non hai tempo per guardarti indietro.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/...onerebbe-solo-se-fosse-la-lira/898941
    Tags: , , , , , , , by M. Fioretti (2014-03-03)
    Voting 0
  9. l'ipotesi che la Corte costituzionale di Karlsruhe determinasse ciò che un'istituzione europea non può fare avrebbe creato un precedente capace di disgregare l'Unione. Così la Germania avrebbe affermato per vie legali il suo status di egemone, in diritto di decidere cosa è legale e cosa no per un organismo che appartiene anche a 220 milioni di cittadini fuori dai suoi confini. Oppure, quantomeno, Karlsruhe avrebbe stabilito il principio che un giudice nazionale può disfare in ogni momento la politica in vigore di un'istituzione europea. Da quel momento, ciascuna delle Corti costituzionali dei 28 Paesi europei avrebbe cercato di sfilare il pezzo d'Europa che più le dispiace. In modo informale il governo italiano aveva fatto notare alle altre capitali che la vicenda non sarebbe certo finita là: a quel punto la Commissione di Bruxelles avrebbe dovuto mettere la Germania in infrazione, poiché i suoi giudici di ultima istanza decidevano di testa propria sul diritto comunitario senza rimettersi ai loro colleghi della Corte europea.

    Aveva tutta l'aria di una spirale simile a certe dispute in punta di diritto di un quarto di secolo fa fra Belgrado, Zagabria e Lubiana. Chiunque avesse vinto, l'euro e 65 anni di pace, apertura, integrazione e prosperità in Europa ne sarebbero usciti comunque a pezzi. La Corte tedesca, nella sua diffidenza verso la Bce e Mario Draghi, non ha avuto il coraggio di andare così lontano.

    Ma Morgan Stanley esprime dubbi sulla reale vitalità del programma tirato fuori da Draghi nel 2012 per sedare la crisi. Anche dopo la giornata di ieri. Perché quel piano è uscito sì dal palazzo di Karlsruhe legalmente in piedi. Ma con addosso un'ombra - politica - da morto che cammina.
    http://www.repubblica.it/economia/201...aldamento_di_eurolandia-78002048/?rss
    Tags: , , , , , by M. Fioretti (2014-02-08)
    Voting 0
  10. La Bce va molto fiera della sua indipendenza, bene. Ma questa è una relazione bilaterale: tu non puoi essere indipendente da me, se io sono dipendente da te. Quando Mario Draghi si esprime in questo modo, oppure nel modo in cui si era espresso prima delle elezioni politiche italiane, quando aveva affermato che “non importa chi vincerà, perché tanto avete il pilota automatico deciso da noi”, dimostra una cosa molto semplice, che Stiglitz ed Axel Leijonhufvud hanno ampiamente messo in luce: l'indipendenza della Bce dal potere politico è una colossale inganno il cui scopo è sottrarre allo scrutinio democratico una serie di decisioni politiche fondamentali che riguardano la redistribuzione del reddito.

    A partire dagli anni '80 si assiste alla stagnazione dei salari reali, in Italia come nel resto del mondo, che è la radice più profonda della crisi debitoria: se un capitalismo molto maturo e molto produttivo decide di ridurre i salari, per permettere agli operai di continuare a comprare i beni, ed evitare la paralisi del sistema, deve riempire questo “cuneo” con debito: pubblico fino agli anni '90 e poi privato.
    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=6&pg=6838
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 2 Online Bookmarks of M. Fioretti: Tags: money + euro

About - Propulsed by SemanticScuttle