mfioretti: gender issues*

Bookmarks on this page are managed by an admin user.

31 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting / - Bookmarks from other users for this tag

  1. E così arriviamo al linguaggio di genere, che – per alcuni – rappresenterebbe un buon viatico verso una società più paritaria. Un’imposizione linguistica a tavolino non risolve le cose – lo racconta la storia della lingua – e anzi può essere percepita, dalla società, in modo svilente e quindi trasformarsi in qualcosa di controproducente. Medico è un termine maschile grammaticalmente parlando, non lo è più socialmente. Il suo significato (concetto) ha confini più ampi del suo significante (parola). Per gli appassionati di grammatica storica verrebbe da chiedersi se, addì 2018, non sia riemerso, da qualche lontano meandro il tanto odiato (dai liceali) neutro latino. Almeno stando alla percezione che abbiamo noi parlanti. Utilizzare termini come medica, architetta, suonerebbe come utilizzare elettricisto o farmacisto. Si può provare, certo, ma probabilmente farebbero la fine di taberna potoria e questo non cambierebbe altre e fondamentali questioni legate al ruolo della donna nella società. Non cambierebbe nulla della:

    parità salariale
    uscita dagli stereotipi di genere (tacchi, gonne, trucchi e belletti VS virago)
    parità nel servizio di cura
    diritto alla conciliazione
    progresso di carriera
    diritto alla salute (procreativa e non)
    diritto a una giusta rappresentanza negli organismi di governo e corpi intermedi
    diritto alla formazione
    diritto all’autodeterminazione

    Forse è più facile che avvenga il contrario in fondo. Forse è più facile che un giorno, quando avremo finalmente affrontato con coraggio e a viso aperto questi temi che – salvo l’8 marzo – nessuno ha davvero voglia di affrontare (dimostrando come rispetto alla questione femminile prevalga ancora, sempre e comunque, un atteggiamento assistenzialista e paternalista che vede nelle donne delle “minori” da difendere e proteggere, ma solo finché questo non mette davvero in discussione lo status quo), allora la lingua cambi.

    O forse a quel punto non sarà necessario, perché ci vedremo tutti rappresentati – nel rispetto delle nostre differenze individuali che vanno molto al di là del sesso di nascita – dai nostri percorsi e dalle nostre scelte personali. Scelte libere, speriamo come saranno allora le donne.
    http://www.glistatigenerali.com/costu...lity-nellitaliano-nuoce-al-femminismo
    Voting 0
  2. Some of the most impressive work I see being done is in a seminary, by an amazing psychologist called Inga Harutyunyan. In a classroom in the Gevorkian seminary in Vagharshapat, in the complex of the Mother See of Holy Etchmiadzin, eager young priests are trained. These are highly educated young men.

    Harutyunyan has established a relationship with the church. Privately, she tells me about ancient Armenian matriarchies and goddesses. But the key is in the way she talks to the priests. “You are clergymen,” she tells them. “The word is your weapon,” and then she gives them texts from the Bible that emphasise respect for women.
    https://www.theguardian.com/global-de...feb/22/sex-selection-armenia-quandary
    Voting 0
  3. interests are assumed to be determined by their membership in groups, particularly their sex, race, sexual orientation, and disability status. Its signature is the tic of preceding a statement with “As a,” as if that bore on the cogency of what was to follow. Identity politics originated with the fact that members of certain groups really were disadvantaged by their group membership, which forged them into a coalition with common interests: Jews really did have a reason to form the Anti-Defamation League.

    But when it spreads beyond the target of combatting discrimination and oppression, it is an enemy of reason and Enlightenment values, including, ironically, the pursuit of justice for oppressed groups. For one thing, reason depends on there being an objective reality and universal standards of logic. As Chekhov said, there is no national multiplication table, and there is no racial or LGBT one either.

    This isn’t just a matter of keeping our science and politics in touch with reality; it gives force to the very movements for moral improvement that originally inspired identity politics. The slave trade and the Holocaust are not group-bonding myths; they objectively happened, and their evil is something that all people, regardless of their race, gender, or sexual orientation, must acknowledge and work to prevent in the future.

    Even the aspect of identity politics with a grain of justification—that a man cannot truly experience what it is like to be a woman, or a white person an African American—can subvert the cause of equality and harmony if it is taken too far, because it undermines one of the greatest epiphanies of the Enlightenment: that people are equipped with a capacity for sympathetic imagination, which allows them to appreciate the suffering of sentient beings unlike them. In this regard nothing could be more asinine than outrage against “cultural appropriation”—as if it’s a bad thing, rather than a good thing, for a white writer to try to convey the experiences of a black person, or vice versa.

    To be sure, empathy is not enough. But another Enlightenment principle is that people can appreciate principles of universal rights that can bridge even the gaps that empathy cannot span. Any hopes for human improvement are better served by encouraging a recognition of universal human interests than by pitting group against group in zero-sum competition.


    How high are the stakes in universities? Should we worry?

    SP: Yes, for three reasons. One is that scholars can’t hope to understand the world (particularly the social world) if some hypotheses are given a free pass and others are unmentionable. As John Stuart Mill noted, “He who knows only his own side of the case, knows little of that.” In The Blank Slate I argued that leftist politics had distorted the study of human nature, including sex, violence, gender, childrearing, personality, and intelligence. The second is that people who suddenly discover forbidden facts outside the crucible of reasoned debate (which is what universities should be) can take them to dangerous conclusions, such as that differences between the sexes imply that we should discriminate against women (this kind of fallacy has fueled the alt-right movement). The third problem is that illiberal antics of the hard left are discrediting the rest of academia, including the large swaths of moderates and open-minded scholars who keep their politics out of their research.
    http://www.weeklystandard.com/steven-...nlightenment-values/article/2011595#!
    Voting 0
  4. To be sure, there are some real problems with gender studies as a field. "The Conceptual Penis as a Social Construct" was a deliberate hoax, but "Women's Studies as Virus: Institutional Feminism and the Projection of Danger," was real enough. (Feminist authors: feminism is cancer—but that's a good thing!) And who can forget that paper about feminizing glaciers?

    But, if the main criticism of gender studies is that it's unscientific and dogmatic, the field's critics should be careful about not falling prey to dogma themselves. Skeptics ought to be more, well, skeptical.
    http://reason.com/blog/2017/05/22/no-the-conceptual-penis-as-a-social-cons
    Voting 0
  5. Nothing should be absolute and without reasonable boundaries, not even freedom. In light of this, there are three observable, identifiable ways in which this latest fad of intersectionality is taking advantage of and destroying the rational enlightenment roots of Western academia from within. The approaches are, namely, infiltration, subversion, and coercion.


    The dilution of academic fields is not where it ends however. The promotion of transgenderism as settled science and arbitrary pronouns like them/theirs being used in schools and universities are further examples of subversion. In every Western university (including where I research), the casual usage of made up pronouns is being promoted by a small minority of academics and students. One risks being marked as a bigot if one chooses to question or debate such arbitrary policies. Every university has Marxist and feminist reading groups and departments that essentially control events, doctoral training modules that include methods that prefer non-positivist research, and journal publications wherein the chances of one being censored are higher if he or she dares to question groupthink.

    The third approach involves coercion, or simply the tyranny of minority. A handful of students, instigated by a handful of academics, especially from intersectional disciplines and Marxist-feminist-post-colonial and gender studies backgrounds and departments, now attempt to dictate what can or cannot be taught, discussed, or even debated at a university.
    http://quillette.com/2017/11/06/intersectionality-poppers-paradox
    Voting 0
  6. per «una strana contraddizione, Merkel incarna ciò che le femministe in tutto il mondo hanno sperato di ottenere, ma il resto della Germania, in larga misura, non è stato al passo». E l’ostinazione di Merkel nel non pronunciare la parola «femminista», in questa e nelle precedenti campagne elettorali, per Bennhold non ha giovato. Ora, sul tema, torna Susan Chira, sempre sul New York Times. Secondo la quale i successi a ripetizione di Merkel (il voto del 24 settembre sarà, a detta di tutti, l’ennesimo della serie) «sollevano una domanda di nuovo rilevante dopo la sconfitta di Hillary Clinton: questa strategia della segretezza (evitare, come Merkel, l’etichetta di femminista e la rivendicazione di genere, ndr) è la strada più efficace per le donne per guadagnare ed esercitare potere?».

    Hillary si presentò in campagna elettorale come la donna che «avrebbe fatto la storia infrangendo il più alto dei soffitti di cristallo» e ha ottenuto come risultato un’ondata di misoginia che ha gonfiato le vele di Donald Trump. Il basso profilo, perfino noioso, di Angela Merkel, il suo meticoloso costruirsi un’immagine gender neutral, l’ha invece aiutata a far fuori gli avversari, dentro e fuori il suo partito, inducendoli nell’errore fatale di sottovalutarla (Chira ricorda che il soprannome Mutti, «mammina» all’inizio era stato affibbiato a Merkel, in modo dispregiativo, dai colleghi maschi della Cdu; e anche il mein mädchen, «la mia ragazza» di Helmut Kohl non portò bene al suo autore). E, al momento giusto, «come molte donne che hanno fatto passi avanti in politica, vedi di recente la premier inglese Theresa May, è subentrata in un momento di crisi, quando pochi uomini volevano il posto». Dunque, per le donne il sentiero più sicuro per il potere è quello più nascosto? «Vorrei non fosse così, ma in gran parte lo è ancora»
    http://27esimaora.corriere.it/17_sett...664-9bb7-11e7-99a4-e70f8a929b5c.shtml
    Voting 0
  7. Not all ideas are the same, and not all conversations about ideas even have basic legitimacy

    I need to be very clear here: not only was nearly everything you said in that document wrong, the fact that you did that has caused significant harm to people across this company, and to the company’s entire ability to function. And being aware of that kind of consequence is also part of your job, as in fact it would be at pretty much any other job. I am no longer even at the company and I’ve had to spend half of the past day talking to people and cleaning up the mess you’ve made. I can’t even imagine how much time and emotional energy has been sunk into this, not to mention reputational harm more broadly.

    And as for its impact on you: Do you understand that at this point, I could not in good conscience assign anyone to work with you? I certainly couldn’t assign any women to deal with this, a good number of the people you might have to work with may simply punch you in the face, and even if there were a group of like-minded individuals I could put you with, nobody would be able to collaborate with them. You have just created a textbook hostile workplace environment.

    If you hadn’t written this manifesto, then maybe we’d be having a conversation about the skills you need to learn to not be blocked in your career — which are precisely the ones you described as “female skills.” But we are having a totally different conversation now. It doesn’t matter how good you are at writing code; there are plenty of other people who can do that. The negative impact on your colleagues you have created by your actions outweighs that tremendously.

    You talked about a need for discussion about ideas; you need to learn the difference between “I think we should adopt Go as our primary language” and “I think one-third of my colleagues are either biologically unsuited to do their jobs, or if not are exceptions and should be suspected of such until they can prove otherwise to each and every person’s satisfaction.” Not all ideas are the same, and not all conversations about ideas even have basic legitimacy.
    https://medium.com/@yonatanzunger/so-...-this-googlers-manifesto-1e3773ed1788
    Voting 0
  8. Why is it so empowering that Wonder Woman can dehumanize the enemy just as well as the boys who usually run wars? The feminist message here seems to be that women can be just as self-righteously violent as men. I guess if “empowerment” is just about the power of violence, this is a win, but it hardly seems a game worth playing.

    There is a bit of classic superhero movie banter/monologuing during Wonder Woman’s boss-battle with Ares in which Ares sort of raises some of these points. Don’t you see, Ares says, you and me are really the same, the Germans and the Americans area really the same, and it’s all about power and domination? No, Wonder Woman replies, I’m better than that, and so are these humans (at least the ones who aren’t Germans)– then she summons the inner strength to squash him. Subtle moral dilemma avoided. Does this kind of feminism just offer equal-opportunity nihilism?

    Well, maybe I’m getting too old-guy-grouchy about a summer popcorn superhero movie. But I would point out the trailer for another presumably empowering movie about to slink into the multiplex, Atomic Blonde. This film apparently features a sex-crazed mega-hot lesbian assassin. In the trailer we see quick cuts of Charlize Theron alternatively blowing peoples’ heads off, french kissing a sexy female spy like a thirsty snake (literally with the tongue flicking around), and writhing passionately on a bed with the same target in what can only be described as a scene from girl-on-girl supermodel soft porn. (They are, of course, supermodel hot, skinny, big-breasted, instantaneously and incandescently orgasmic babes — that is, this isn’t Mary and Sally who live down the block, but the kind of action a horny hetero cisgendered teenage boy dreams about)
    http://davidopderbeck.com/tgdarkly/2017/06/26/wondering-about-wonder-woman
    Voting 0
  9. Semplificando si può dire che oggi ci sono due scuole di pensiero sul 'gender', che a loro volta presentano diversificazioni interne. Nella prima – essenzialista – si opera un passaggio diretto dall’anatomico all’ontologico (le caratteristiche corporee esprimonol’essenza della differenza di genere, ricavabile da esse); è un approccio scientista-positivista, ma anche quella dei primi gender studies femministi, con la tendenza a una visione scissa della sessualità, che alimenta un dualismo contrappositivo e competitivo tra maschile e femminile.

    L a seconda –culturalista-costruttivista – insiste sul 'gender' come costruzione sociale, e presenta in realtà due varianti. Una versione moderata, che sottolinea il ruolo della rielaborazione culturale del dato biologico, e una radicale – oggi prevalente – secondo la quale la natura non conta e vale solo il discorso sociale e la scelta individuale (posizione che tende all’astrazione del 'neutro'). Oggi il dibattito sul 'gender' è identificato con quest’ultima tipologia, che è la più insensata. Non bisogna però cadere nell’errore della 'cattiva sineddoche': prendere una parte del dibattito, la più discutibile, come il tutto e buttare il bambino con l’acqua sporca. In realtà la battaglia ideologica sul 'gender' (perché una componente ideologica è innegabile) si combatte più a colpi di diritto che di teorie che la giustifichino. Persino Judith Butler (con la quale peraltro molte sono le ragioni di dissenso), autrice del celebre Questioni di genere, ha affermato di recente che «il sesso biologico esiste, eccome. Non è né una finzione, né una menzogna, né un’illusione. Ciò che rispondo, più semplicemente, è che la sua definizione necessita di un linguaggio e di un quadro di comprensione (...). Noi non intratteniamo mai una relazione immediata, trasparente, innegabile con il sesso biologico. Ci appelliamo invece sempre a determinati ordini discorsivi, ed è proprio questoaspetto che mi interessa». Di 'gender', dunque, non solo si può, ma si deve parlare. Perché l’essere umano non è solo biologico, né dato una volta per tutte al momento della nascita.

    L’identità non è solo espressiva (tiro fuori ciò che già sono) ma relazionale. Non solo biologica, ma simbolica. Dire che semplicemente uomini e donne si nasce, o che semplicemente lo si diventa, è contrapporre due verità che invece stanno insieme: uomini e donne si nasce e si diventa. E in questo processo, che dura tutta la vita, contano tanti aspetti: la storia, la cultura, la religione, l’educazione, i modelli, le vicende personali, l’essere situati in un tempo, uno spazio, un corpo. In ogni caso, non c’è mai un’aderenza totale e senza resto tra il nostro essere biologico e il nostro essere umani. In questo l’uomo è diverso dall’animale: alla certezza meccanica dell’istinto corrisponde nell’uomo l’incertezza non garantita della libertà e della responsabilità. Il dibattito su come ci riappropriamo (o non riusciamo a riappropriarci) delle nostre caratteristiche anatomiche, e quanto il contesto ci sostiene, ci ostacola, ci indirizza, ci offre le categorie è non solo legittimo ma doveroso.

    La forma che ha preso oggi il dibattito sul gender, nella sua punta estrema, commette un errore epistemologico grave, sovrapponendo elementi molto diversi tra loro: in particolare facendo coincidere universalismo e astrazione da una lato, e non-discriminazione ed equivalenza dall’altro, e rivelando così un problema con l’alterità concreta, che si traduce in una cancellazione, di fatto, della dignità delle differenze. Non a caso le nuove forme di educazione spingono alla promozione del 'neutro', che è appunto la cancellazione delle differenze, una forma di discriminazione violenta contro la concretezza del reale, rimosso in nome di una normatività procedurale e astratta. A questo si collega un altro dei problemi della contemporaneità: il demandare al piano giuridico ciò che andrebbe prima affrontato a livello culturale. Poiché non ci si riesce a mettere d’accordo su cosa significa essere umani oggi, sui contenuti profondi che ci riguardano, si spostano le decisioni sul piano astratto delle procedure, come se fosse neutro dal punto di vista valoriale. Ma l’astrazione non garantisce affatto la neutralità, e, di fatto, il legislatore finisce col ratificare e rendere normativo il caso particolare. Quindi si dovrebbe parlare oggi di 'ideologia giuridica' come minaccia effettiva alla libertà delle nostre scelte, educative prima di tutto. Una deriva legata ai processi di tecnicizzazione che, nell’illusione di garantire la vita collettiva dall’arbitrio delle posizioni di valore, impongono senza nemmeno rendersene conto i valori che li impregnano (efficientismo, fattibilità, controllo, individualizzazione, assenza di senso del limite...). Un’ideologia che si salda in modo perfettamente funzionale, rafforzandolo, con l’individualismo radicale del pensiero contemporaneo mainstream, e con lo strapotere dei sistemi tecnoeconomici, ai quali fa buon gioco raccontare la favola della 'sovranità dell’io', che ha ben pochi riscontri nella realtà.

    A fronte di una 'idolatria dell’io' che, come riconosceva Hannah Arendt, a partire dalla modernità ha preferito scambiare ciò che ha ricevuto come un dono con qualcosa che ha fabbricato con le proprie mani, un discorso sul 'gender' oggi dovrebbe uscire dall’opposizione natura-cultura (siamo naturali e culturali in quanto umani) e spostarsi sul piano simbolico. Contro l’illusione idolatrica e tecnocratica di trovare il termine che esprime esattamente, senza resto, ogni sfumatura possibile della nostra identità sessuale, come i 56 profili di 'gender' proposti da Facebook, dovremmo riaprirci alla parola simbolica, capace di ospitare in sé un’apertura, una gamma inesauribile di possibilità espressive (quali la femminilità e la mascolinità, nella loro dualità), e soprattutto una relazionalità costitutiva: la mia identità di genere nasce dall’incontro delle differenze e si è costruita nella relazione con altri, concreti come me. In un movimento di apertura e scoperta che si chiama libertà: nella gratitudine per quanto ricevuto, nella relazionalità del legame, nella consapevolezza che non siamo mai liberi dai condizionamenti culturali eppure abbiamo la capacità di non esserne completamente succubi, se solo evitiamo di aderire ottusamente al dato di fatto. Credo che un’antropologia cristiana abbia, oggi, da portare un contributo positivo preziosissimo alla doverosa riflessione sul 'gender'. Perché, con Hölderlin, «là dov’è il pericolo cresce anche ciò che salva».
    http://sperarepertutti.typepad.com/sp...gender-non-%C3%A8-solo-ideologia.html
    Voting 0
  10. The computing historian Marie Hicks can’t stand it when people tout coding camps as a solution to technology’s gender problem. “I think these initiatives are well-meaning, but they totally misunderstand the problem. The pipeline is not the problem; the meritocracy is the problem. The idea that we’ll just stuff people into the pipeline assumes a meritocracy that does not exist.”

    Ironically, Hicks says, these coding initiatives are, consciously or not, betting on their graduates’ failure. If boot camp graduates succeed, they’ll flood the market, devaluing the entire profession. “If you can be the exception who becomes successful, then you can take advantage of all the gatekeeping mechanisms,” Hicks says. “But if you aren’t the exception, and the gatekeeping starts to fall away, then the profession becomes less prestigious.”

    My students are always so excited that they’re “learning to code” when I teach them HTML and CSS, the basic building blocks of web pages. And I’m happy for them; it’s exhilarating to see, for the first time, how the web is built. Increasingly, though, I feel the need to warn them: the technology sector, like any other labor market, is a ruthless stratifier. And learning to code, no matter how good they get at it, won’t gain them entrance to a club run by people who don’t look like them.
    https://www.theguardian.com/technolog...h-women-code-workshops-developer-jobs
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 4 Online Bookmarks of M. Fioretti: Tags: gender issues

About - Propulsed by SemanticScuttle