mfioretti: debt* + euro*

Bookmarks on this page are managed by an admin user.

31 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting / - Bookmarks from other users for this tag

  1. countries such as Bulgaria and Romania, which have recent histories of currency instability and financial crises, also are quite heavy users of cash.

    But the real point isn’t that Germans love cash. It’s that—for the same historical reasons—they loathe debt. (Armchair anthropologists have also long noted that German word for debt—Schulden—comes from the word for guilt, Schuld.)

    Levels of consumer debt in Germany are remarkably low. German aversion to mortgage debt is part of the reason why the country has some of the lowest homeownership rates in the developed world. Just 33% of Germans said they had a credit card back in 2011. And most of those hardly ever get used. In 2013, only 18% of payments in Germany were made via cards, compared to 50% in France and 59% in the UK.

    The national preference for cash, then, seems to be the flip side of aversion to debt, which, in turn, can be interpreted as a sign of deep-seated doubt about the future. (German businesspeople are also notorious for their pessimism about the future.) And fear of the future, of course, is rooted in the past.

    In other words, the German tendency to settle up in cash undeniably reflects the fact that for much of the last century, Germany has been either on the brink of, in the midst of, or struggling to recover from, disaster.
    http://qz.com/262595/why-germans-pay-cash-for-almost-everything
    Voting 0
  2. Altro che crisi dei migranti e il crack di quattro banchette corrotte di provincia. Nessuno ne parla, l’argomento è tabù per Matteo Renzi e soprattutto per il ministro Padoan e il suo staff al Mef: oggi l’Italia rappresenta il massimo rischio sistemico globale. In che senso? Per via del suo colossale debito pubblico. Della questione si occupa stranamente Il Sole 24 Ore in un recente articolo di Dino Pesole (Strategie politiche per favorire la crescita). Ma dalla cortina di silenzio, dovrebbe venire fuori invece un urlo: “Facciamo qualcosa, prima che sia troppo tardi”. Nel nostro Paese ogni persona nasce «con un debito di oltre 36mila euro sulle spalle». Non virtuali, reali. Debiti che ammazzano la crescita. Dalla micro alla macroeconomia, fa paura constatare come nonostante gli innumerevoli sforzi di risanamento tentati, il nostro Paese resta esposto a rischi enormi.

    renzi padoan 675

    Con un debito pubblico di oltre 2mila miliardi, il più alto nei 28 paesi dell’Unione Europea, l’Italia è la nazione che più minaccia l’economia e i mercati mondiali, secondo il Fondo Monetario Internazionale che nel giugno 2015 ha pubblicato un report ignorato dai media ma divulgato nel dettaglio nel libro Rimetti a noi i nostri debiti. Il Fmi segue un criterio matematico, stante il quale il governo Renzi deve intervenire adesso, in modo radicale, per ridurre o ristrutturare il debito pubblico italiano, in un’operazione concordata con le autorità Ue. E di fronte alla domanda se sia preferibile imporre (ancora?) misure di austerità “made in Germany” oppure far conto sui bassi tassi d’interesse e provare a investire in programmi infrastrutturali aumentando la spesa pubblica, Il Sole 24 Ore risponde così: dipende dallo «spazio fiscale» di cui il governo dispone. L’Italia ne ha? Anticipiamo la risposta: no. In alternativa ci sono due possibili strategie (ambedue rivoluzionarie: scuoterebbero alle fondamenta l’Europa se Renzi le perseguisse – o anche l’opposizione come il M5S): far affluire direttamente «ai cittadini invece che alle banche commerciali» la liquidità che la Bce sta iniettando attraverso il Quantitative easing (che Draghi ha deciso di estendere fino a marzo 2017), puntando sul visionario progetto di un “QE per la gente“. E lanciare una sorta di «Giubileo del debito che permetta a tutti di ripartire da zero, concedendo respiro all’economia»
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/...a-zero-il-fmi-ci-ha-avvertito/2335243
    Voting 0
  3. The euro zone is to benefit German industrial output.

    ECB turned off the money supply to Greece to force Greece to its knees. Once there was unconditional surrender, a choice between suicide or execution, ECB turned back on the money supply to Greek banks. The money that was lent, flowed back out to pay off international creditors, a point Germans should note when they keep referring to bailing out Greece.

    The Fourth Reich showed they would happily destroy a country if that country did not give in to its demands. They forced onto Greece, not only a surrender, but an unconditional surrender, part of which is rape and pillage of the country, enclosure of the commons, sell off of Greek assets on the cheap. But at least we all now know what the Fourth Reich is capable of, Its brutality was exposed for all the world to see. At least Podemos in Spain now know exactly what they are dealing with.

    It was meant to set an example to Podemos, do not dare oppose the Fourth Reich this too will be your fate.

    But it has had had the opposite effect, for pro-democracy activists across Europe to double their efforts to defeat the Fourth Reich.

    What we have learnt, we have to work from the grass roots upwards. Syriza has grass roots support that most parties would die for, the NO vote showed that. But it was not enough. We have to restructure society from the bottom up.

    Greece may have lost a battle, but not the war, the fight continues.

    John Cassidy, writing in The New Yorker:

    Syriza’s surrender wasn’t necessarily an ignominious one. As Lenin commented of the failed 1905 revolution in Russia, it was a retreat for a new attack, which ultimately proved successful. “I’m not going to sugarcoat this and pass it off as a success story,” Tsipras said to parliament on Wednesday, prior to the vote, acknowledging that the spending cuts and tax increases contained in the agreement would deal another blow to the Greek economy. However, that wasn’t the full story, Tsipras insisted. “We have left a heritage of dignity and democracy to Europe,” he said. “This fight will bear fruit.”

    The euro zone is to benefit German industrial output.

    The problem Greece has is many idle hands, work that needs doing, and no money to connect the two. What connects the two is money.

    In the Great Depression there was no money, in US banks were closed, because they were bust.

    They created scrips, alternative currencies, across Europe and in the States. They were successful, incredibly successful. The reason they do not exist today is because they were too successful, the Central Banks closed them down.

    In 1931, a German coal mine operator decided to open his closed mine by paying his workers in wara. It was backed by coal. Because it was backed by coal, which everyone could use, local merchants and wholesalers were persuaded to accept it. The mining town flourished, and within the year at least a thousand stores across Germany were accepting wara, and banks began accepting wara-denominated deposits. Feeling threatened, the German government tried to have the wara declared illegal by the courts; when that failed, it simply banned it by emergency decree.

    The following year, the depressed town of Wörgl, Austria, issued its own stamp scrip inspired by the success of the wara. The Wörgl currency was by all accounts a huge success. Roads were paved, bridges built, and back taxes were paid. The unemployment rate plummeted and the economy thrived, attracting the attention of nearby towns. Mayors and officials from all over the world began to visit Wörgl until, as in Germany, the central government abolished the Wörgl currency and the town slipped back into depression.
    https://keithpp.wordpress.com/2015/07/27/an-alternative-greek-currency
    Voting 0
  4. They said, in effect: “If you, the IMF, want to be a part of all of this debt restructuring, we want to pay off all the private bond holders so that they don’t lose money. We want to let the speculators gain because that’s our constituency.” But the IMF economists pressured the head of the IMF at that time, Dominique Strauss-Kahn, to write down Greece’s debt.

    The problem is that Strauss-Kahn wanted the IMF to be a player in the European Central Bank and the European Union, the main financial interests. He also wanted to run for the presidency of France, and most of Greece’s debts were owed to French banks. So Strauss-Kahn had to essentially operate in the interest of France, and his own political fortunes rather than what IMF economists recommended. Basically, he agreed to have the Central Bank and IMF lend Greece enough money to pay the bondholders.

    It turned out that the IMF economists were quite right, and Greece couldn’t pay. The result is that the leading economists in the IMF’s European division resigned in anger. They’ve written a series of reports.
    http://blog.p2pfoundation.net/michael...3A+P2pFoundation+%28P2P+Foundation%29
    Tags: , , , , , , , by M. Fioretti (2015-07-27)
    Voting 0
  5. The last 50 years of Western European history was a central planners dream, a blank slate upon which a new Europe was forged. War powers were shifted from militaristic to economic goals. Germany was rebuilt into the great manufacturing power it is today. France, Italy, Spain all enjoyed multi-decade years of growth. From the wreckage of war, a new era of European power was born.

    The hubris of these planners culminated in the creation of the EU and the Euro. Their shining example of what cooperation between nation-states could achieve.

    Now, almost 22 years have passed since the introduction of the Masstricht treaty's Euro and the entire system is on the verge of collapse. Brussels and the ECB are scrambling to try and undo years of corrupt deals and agreements that stripped Greece of its dignity and fostered the ruling leftist Syriza and the growing right wing Golden Dawn parties. Both have proclaimed they will not further suffer the cannibalistic policies of the Troika any longer. The dream of a unified Europe is on the ropes and there may only be days left to save it.

    The root cause of the cracks driving Greece away are misallocated and corrupt power, money, and influence. The institutions of the EU and ECB were built with high ideals, but the individuals who run them are political animals whose primary duty was to corporations, the wealthy and minimizing the appearance of exploding sovereign debt.

    Greece's technocrats mis-used billions of dollars of EU loans to placate their populace for years and to entrench an elite class of bankers, businessmen and other power hungry individuals into power. By doing this, they left the country in economic shambles, unable to provide its own citizens jobs and opportunities and devoid of any meaningful competition.

    Greece will never be able to pay down their debts by the current agreements. Its citizens will starve first before they ever pay down their debt. Current EU debt stands at €12 trillion dollars, with the Greek portion making up more than €300 billion. Recent comments by Greek FinMin Yanis Varoufakis were uncomfortably true when he said that his country is “insolvent” and “bankrupt.” He is correct is his understanding that the house of cards the Euro was built on can easily come crashing down if any one country decides to pull out.

    Their debt is not owed to their populace, but the to creditors of Europe, the all-powerful Troika, who declared there will be no negotiations. So, Alexis Tsipras has demanded the Troika listen to the will of his people, rather than the planners in Brussels. Neither side can let the other win.
    http://sputniknews.com/analysis/20150220/1018519402.html#ixzz3SHKLEQMk
    Voting 0
  6. But while distortions in the savings rate are at the root of the European crisis, many if not most analysts have failed to understand why. Until now, an awful lot of Europeans have understood the crisis primarily in terms of differences in national character, economic virtue, and as a moral struggle between prudence and irresponsibility. This interpretation is intuitively appealing but it is almost wholly incorrect, and because the cost of saving Europe is debt forgiveness, and Europe must decide if this is a cost worth paying (I think it is), to the extent that the European crisis is seen as a struggle between the prudent countries and the irresponsible countries, it is extremely unlikely that Europeans will be willing to pay the cost. As my regular readers know, I generally refer to the two different groups of creditor and debtor countries as “Germany” and “Spain”, the former for obvious reasons and the latter because I was born and grew up there, and it is the country I know best. I will continue to do so in this blog entry.

    A few weeks ago I was discussing with a group of my Peking University students Charles Kindleberger’s idea of a “displacement”, and I proposed, as does Kindleberger, that the 1871-73 French indemnity is an especially useful example of a displacement from which we can learn a great deal about how financial crises can be generated.(4) It then occurred to me that the French reparations and their impact on Europe could also tell us a great deal about the euro crisis and, more specifically, why by distorting the savings rate wage policies in Germany in the first half of the last decade would have led almost inexorably to the balance of payments distortions that may eventually wreck the euro.

    It is a nice accident that the French indemnity accelerated Germany’s adoption of the gold standard, because massive transfer payments from Germany to peripheral Europe were probably necessary for many of these countries to adopt the euro, in some ways their own version of the gold standard. Before jumping into why I think the French indemnity is relevant to the Greek crisis, I want to make three quick points:
    http://blog.mpettis.com/2015/02/syriza-and-the-french-indemnity-of-1871-73
    Voting 0
  7. Ancora una volta è caduta la scure del parametro deficit/Pil che non può superare il 3%. Ma da dove nasce questo paletto che oggi condiziona più di ogni altro l'attività di governo (certo molto di più di quello sul debito/Pil al 60% a giudicare dal recente upgrade di Moody's sull'Irlanda pur in presenza di un debito/Pil balzato nell'ultimo anno al 121%)?.

    Il quotidiano tedesco «Frankfurter Allgemeine Zeitung» e prima ancora il francese «Aujourd'hui en France -Le Parisien» hanno svelato l'arcano, poi ripreso anche da molti blog. La soglia del 3% sul deficit/Pil è stata elaborata negli anni '80 da un sconosciuto funzionario del governo di François Mitterand: Guy Abeille, ai tempi non ancora trentenne.

    La storia è andata così. Dopo la vittoria alle elezioni del 1981 in Francia i socialisti guidati da Mitterand per mantenere le costose promesse elettorali avevano portato il deficit da 50 a 95 miliardi di franchi. Per "darsi una regolata" Mitterrand incaricò Pierre Bilger, a quel tempo vice direttore del dipartimento del Bilancio al ministero delle Finanze di implementare una regola per evitare spese pubbliche all'impazzata. Bilger contattò due giovani esperti che avevano una formazione economica e matematica all'Ensae: Roland de Villepin, un cugino del futuro primo ministro Dominique de Villepin e Guy Abeille.

    Sarà quest'ultimo ad elaborare il paletto del 3% sul Pil, nato però, per sua stessa ammissione, senza alcuna base scientifica: «Prendemmo in considerazione i 100 miliardi del deficit pubblico di allora. Corrispondevano al 2,6 % del Pil. Ci siamo detti: un 1% di deficit sarebbe troppo difficile e irraggiungibile. Il 2% metterebbe il governo sotto troppa pressione. Siamo così arrivati al 3%. Nasceva dalle circostanze, senza un'analisi teorica».
    http://www.ilsole24ore.com/art/finanz...meno-un-ora-102114.shtml?uuid=ABJHQ0s
    Voting 0
  8. Il caso del debito pubblico italiano è probabilmente quello più rilevante. Ogni anno il Tesoro emette oltre 450 miliardi di nuovi bond per finanziarsi, pagando in media un interesse vicino a quello di un Btp a cinque anni. Il rendimento di quel titolo è sceso, dal 2,8% di un anno fa all'1,9% di ieri sera. Nel frattempo però l'inflazione è scesa di più, dunque il costo di ogni euro di nuovo debito pubblico dell'Italia sale in termini reali anche quando lo spread fra Bund tedeschi e Btp scende. Per ogni euro degli oltre duemila miliardi di vecchio debito pubblico l'onere da bassa inflazione poi è ancora più forte, perché i tassi d'interesse sui vecchi titoli sono più alti. In queste condizioni il debito pubblico non scenderà mai. Proiettando l'inflazione, la crescita, le cedole su Bot o Btp e il surplus di bilancio di oggi fra vent'anni, la situazione diverrebbe insostenibile: il debito pubblico sarebbe al 148% e in aumento. Invece con un'inflazione anche com'era un anno fa, il debito sarebbe di quasi 30 punti più basso e in calo.

    E' per questo che il crollo del carovita e l'apparente rinuncia della Bce a difendere il suo stesso obiettivo di stabilità dei prezzi appaiono sempre più in conflitto con un'altra regola europea: il Fiscal Compact. Rispettare quell'impegno a ridurre ogni anno il rapporto fra debito e Pil di più del 3% è quasi impossibile se nel frattempo l'Europa ignora la sua stessa regola d'inflazione. Per farcela, l'Italia dovrebbe aumentare stabilmente il suo surplus primario di 15 miliardi, con nuovi tagli e tasse. Ce n'è abbastanza perché il tessuto sociale e la vita politica italiani non reggano allo sforzo.
    http://www.repubblica.it/economia/201...o_prezzi_fiscal_compact-82429657/?rss
    Voting 0
  9. Quando siamo ingrati, come Atene, alle iniezioni di liquidità che l'Unione offre a chi fa bancarotta: nel caso greco, due bailout tardivi, legati a pacchetti deflazionistici monitorati dalla trojka. I contribuenti tedeschi hanno già dato troppo, dicono in Germania. Non è vero, i contribuenti non hanno pagato alcunché perché di prestiti si tratta, anche se a tassi agevolati e destinati in primis alle banche.

    Difficile dar torto alle "forti resistenze sociali", se solo guardiamo le cifre fornite su Lancet dai ricercatori delle università britanniche di Cambridge, Oxford e Londra. A causa della malnutrizione, della riduzione dei redditi, della disoccupazione, della scarsità di medicine negli ospedali, dell'accesso sempre più arduo ai servizi sanitari (specie per le madri prima del parto) le morti bianche dei lattanti sono aumentate fra il 2008 e il 2010 del 43%. Il numero di bambini nati sottopeso è cresciuto del 19 %, quello dei nati morti del 20.

    Al tempo stesso muoiono i vecchi, più frequentemente. Fra il 2008 e il 2012, l'incremento è del 12,5 fra gli 80-84 anni e del 24,3 dopo gli 85. E s'estende l'Aids, perché la distribuzione di siringhe monouso e profilattici è bloccata. Malattie rare o estinte ricompaiono, come la Tbc e la malaria (quest'ultima assente da 40 anni. Mancano soldi per debellare le zanzare infette).
    La rivista inglese accusa governi e autorità europee, ed elogia i paesi, come Islanda e Finlandia, che hanno respinto i diktat del Fondo Monetario o dell'Unione. Dopo la crisi acuta del 2008, Reykjavik disse no alle misure che insidiavano sanità pubblica e servizi sociali, tagliando altre spese scelte col consenso popolare. Non solo: capì che la crisi minacciava la sovranità del popolo, e nel 2010-2011 ridiscusse la propria Costituzione mescolando alla democrazia rappresentativa una vasta sperimentazione di democrazia diretta.

    Non così in Grecia. L'Unione l'ha usata come cavia: sviluppi islandesi non li avrebbe tollerati. Proprio nel paese dove Europa nacque come mito, assistiamo a un'ecatombe senza pari: una macchia che resterà, se non cambiano radicalmente politiche e filosofie ma solo questo o quel parametro. Il popolo sopravvive grazie all'eroismo di Ong e medici volontari (tra cui Médecins du Monde, fin qui attivi tra gli immigrati): i greci che cercano soccorso negli ospedali "di strada" son passati dal 3-4% al 30%. S'aggiungono poi i suicidi, in crescita come in Italia: fra il 2007 e il 2011 l'aumento è del 45%. In principio s'ammazzavano gli uomini. Dal 2011 anche le donne.
    http://www.repubblica.it/economia/201..._invisibili_dell_europa-79651664/?rss
    Voting 0
  10. L’Italia è in declino economico, sociale e politico da almeno quindici-venti anni, perché, a differenza di altri paesi avanzati, si rifiuta di fare i conti con le conseguenze della seconda globalizzazione. Molti a parole riconoscono la necessità di profonde riforme, ma (quasi) nessuno è disposto a subirne i costi per la propria posizione personale. Quindi la stragrande maggioranza degli italiani cerca una soluzione alternativa. Per parecchi anni, molti si sono affidati a Berlusconi, che prometteva un radioso avvenire per tutti senza sacrifici. Dopo quasi vent’anni ed una serie impressionante di fallimenti, il suo carisma si è appannato, ma è stato sostituito da Grillo. La narrativa di Grillo è formalmente differente e, a mio avviso, più pericolosa ma risponde alla stessa esigenza di non fare i conti con la realtà. Infatti cerca un capro espiatorio da additare al pubblico ludibrio come responsabile di tutti i mali. Qualche volta se la prende con gli immigrati, spesso con l’euro e l’Europa, ma sempre con la casta. Basterebbe mandare a casa i politici attuali e sostituirli con altri, magari diretti dal popolo attraverso la rete e tutto si sistemerebbe. La sua retorica illude chi vuole disperatamente farsi illudere.

    Non starò a spiegare perché la vittoria di Berlusconi/Lega o, Dio non voglia, Grillo alle prossime elezioni politiche sarebbe devastante per l’Italia. Ricorderò solo, alle anime belle che sostengono che il popolo è sovrano, che una crisi del debito italiano porterebbe al collasso del sistema bancario europeo, con un forte rischio di una crisi economica mondiale molto peggiore di quella del 1929.

    Ritengo che Renzi sia l’unico argine a questa deriva. Non ritengo affatto che sia un grande statista con una visione di lungo periodo per la modernizzazione del paese. E comunque se l’avesse, la rimetterebbe immediatamente nel cassetto, per una semplice ragione. Dovrebbe partire dalla riforma della pubblica amministrazione e dal taglio delle pensioni in essere e l’elettorato del PD è fatto in gran parte di pensionati e dipendenti pubblici. Il PD crollerebbe al 15%.
    http://noisefromamerika.org/articolo/ma-io-tifo-renzi
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 4 Online Bookmarks of M. Fioretti: Tags: debt + euro

About - Propulsed by SemanticScuttle