All Bookmarks

Welcome to the online bookmarks of Marco Fioretti

16755 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting /

  1. Under the law, anyone who refuses to hand over their phone would surrender their license, much like refusal to submit to a breath test is grounds for a license suspension.

    Should the bill pass, New York would be the first to deploy a so-called textalyzer, raising profound legal questions. Beyond the fact it’s not clear just how the device would work, the courts continue grappling with technologies the law cannot keep up with. Fighting distracted driving with technology borrowed from the fight against drunk driving may seem logical. But the complex privacy and technological questions involved are anything but.

    “Distracted driving is a significant concern, as much as significant concern as drunk driving,” says Mariko Hirose, a senior staff attorney at the New York Civil Liberties Union. “But that doesn’t mean the solutions are the same.”
    http://www.wired.com/2016/05/plan-tex...ones-dumb-doomed/?mbid=social_twitter
    Tags: , , , by M. Fioretti (2016-05-02)
    Voting 0
  2. My contention with Cranz's story is that it doesn't talk about how these devices are impacting people's lives, hence missing the big picture. I believe that it doesn't necessarily matter if our smartphones aren't going to get any smarter. The first-generation Moto G, from a few years ago, can also help you quickly get information from the Web, and it can also allow you to book a cab using Uber app, and do pretty much everything that you do on a flagship smartphone. As Venture Capitalist Fred Wilson pointed out last month, the next "second smartphone revolution" could enhance the lives of millions of people in places such as Asia, where most of the population still doesn't have a smartphone. When you look at that, it becomes unnecessary to talk about the top-of-the-line specs and the rate at which these smartphones are receiving incremental improvements. The vast majority of people in the emerging world are in a desperate need of a bare-bone smartphone that allows them to make phone calls, even if it doesn't do it in a "redefined" fashion, and works with speeds that don't blow them away, a couple of things that I think we are taking for granted. Wilson wrote:
    The first 2.5bn smartphones brought us Instagram, Snapchat, Uber, WhatsApp, Kik, Venmo, Duolingo, and most importantly, drove the big web apps to build world class mobile apps and move their userbases from web to mobile. But, if you stare at the top 200 non-game mobile apps in the US (and most of the western hemisphere) you will see that the list doesn't look that different than the top 200 websites. The mobile revolution from 2007 to 2015 in the west was more about how we accessed the internet than what apps we used, with some notable and important exceptions. The next 2.5bn people to adopt smartphones may turn out to be a different story. They will mostly live outside the developed and wealthy parts of the world and they will look to their smartphones to deliver essential services that they have not been receiving at all -- from the web or from the offline world. I am thinking about financial services, healthcare services, educational services, transportation services, and the like. Stuff that matters a bit more than seeing where you friends had a fun time last night or what it looks like when you faceswap with your sister.
    https://ask.slashdot.org/story/16/04/...3A+Slashdot%2Fslashdot+%28Slashdot%29
    Voting 0
  3. “Some can be frankly dangerous,” he said. But some, he said, are being created by people from the hearing aid industry and are “very good.”

    A committee of consumer electronics companies is now trying to develop minimum standards for PSAPs. And some audiologists, like Lynn Firestone in Farmington, Conn., are starting to offer PSAPs to customers who do not want to pay for hearing aids.

    “I think we have to change and be willing to have additional options for patients,” she said.
    http://www.nytimes.com/2016/04/21/bus...e-from-consumer-electronics.html?_r=0
    Tags: , , by M. Fioretti (2016-05-02)
    Voting 0
  4. Together they’ve used an Ultimaker 2+ to create a smartphone retinal imaging adapter and anterior segment adapter. These cheap adapters are capable of achieving the same diagnoses as complicated hospital machines, like slit lens microscopes and fundus cameras, that costs many tens of thousands of dollars. These incredible open source 3D printed devices are capable of achieving a 40 degree field of view with 10 times magnification – perfect for examining the intricacies of the human eye. And as it’s open source, anyone in the world can download it, print it and use it.

    Creating a $50 imaging kit in just 4 hours Creating a $50 imaging kit in just 4 hours Creating a $50 imaging kit in just 4 hours

    Creating a $50 imaging kit in just 4 hours



    With just a few accessories such as a couple of inexpensive lenses and nuts and bolts, these adapters can be assembled in under 10 minutes. Once done, all you need to do is clip them on to the top of the smartphone and turn on the oDocs Eye app. That’s it. You now have a fully functioning eye examination kit for around $50.
    http://www.createeducation.co.uk/stor...ource=twitter.com&utm_campaign=buffer
    Tags: , , , by M. Fioretti (2016-05-02)
    Voting 0
  5. The most common one I see is “how is he going to pay for all of this?” This question misses the point entirely. Even if economists say that he can’t, does that really invalidate everything he’s aiming to achieve? If he can’t pay for all of it and the only thing that actually gets passed is universal college education and a reinstatement of Glass-Steagall, is that such a horrible thing? Why does it have to be so all or nothing? That’s why it also baffles me when people say that they don’t want the kind of revolution Mr. Sanders is pushing—the reality is that even if he is swept to victory, the amount of change he’ll actually be able to implement won’t be half of what he wants to do.

    No wonder Gallup polling shows over 85 percent of you are disengaged and miserable at your jobs.

    The other elephant in the room is that the current political status quo is to spend over half a trillion dollars per year on the military. So you’re against universal health care or college education because you don’t think it can be paid for, but you’re happy for your government to spend that amount of money on your military when the last time you actually had to defend yourselves was over two centuries ago? When you’re willing to sacrifice so many of the best parts of a socialist democracy in order to fund a military juggernaut that has to go out looking for things to shoot, your priorities are ridiculously lopsided. The War on Terror started with over 3,000 people being killed in a terrorist attack on your own soil. It has since cost the U.S. over 5 trillion dollars—money that could have been used to save far more lives than were lost in the first place, if they had been provided with adequate health care.
    http://observer.com/2016/04/heres-the...icans-cant-grasp-about-bernie-sanders
    Tags: , by M. Fioretti (2016-05-02)
    Voting 0
  6. A questo proposito ci siamo fatti l’idea che la Provincia abbia voluto muoversi attraverso questa scelta nelle direzione di una massima semplificazione dell’intero sistema informatico della pubblica amministrazione in Provincia di Bolzano. La decisione di abbandonare l’open source in sostanza ha lo scopo di identificare un sistema ‘esterno’ chiavi in mano, che consenta di operare ulteriori riduzioni di personale rispetto a quelle che negli ultimi 2 anni hanno portato alla migrazione di numerosi tecnici dalla ripartizione 9 (informatica) alla SPA pubblica Informatica Alto Adige (Siag) di proprietà di Provincia, Consorzio dei Comuni e Regione. Migrazione che in corso d’opera ha portato ad una decisa ‘emorragia’ di personale.
    Alcune cose sono certe: la Provincia certo non ha brillato in trasparenza e coerenza durante questo percorso accidentato. Specie negli ultimi tre anni, visto che già pochi mesi dopo il ‘proclama di Bizzo’ la principale comunità dell’open source locale Lugbz già aveva scritto alla Provincia lamentando che alle parole non erano seguiti fatti e la la procedura decisa di migrazione verso il software libero stagnava.
    Per molti di coloro che nel 2013 avevano salutato con gioia la precedente scelta della Provincia, la decisione assunta 3 anni dopo deve aver inoltre assunto tono della beffa. Visto che la scelta dell’open source all’epoca era scaturita da un tavolo tra Provincia e parti sociali insieme impegnate nell’identificare una modalità per risparmiare che preservasse però i posti di lavoro pubblici nel settore.
    https://www.salto.bz/article/25042016/una-scelta-scellerata
    Voting 0
  7. non va

    Com’era ampiamente prevedibile l’articolo pubblicato su Salto relativo alla ‘marcia indietro’ della Provincia sull’uso del software open source ha suscitato un dibattito molto acceso sul nostro portale. Al punto tale da stimolare anche la reazione da parte di chi questa scelta ha consigliato, supportano quindi la decisione politica assunta dall’assessora provinciale competente Waltraud Deeg, con il benestare della giunta.
    Contattati dai vertici tecnici siamo quindi stati invitati per un colloquio nella sede di Siag in via Siemens a Bolzano, presenti il direttore di ripartizione Kurt Pöhl, il direttore di Siag Stefan Gasslitter ed anche Christoph Moar della ditta Alpin che ha elaborato lo studio sul quale sono state basate le decisioni.


    LE MOTIVAZIONI DELLA SCELTA

    Il primo punto che viene affrontato è il faro che illumina l’intero colloquio dal punto di vista dei vertici informatici provinciali: per loro la scelta di passare a MS Office 365 “è puramente tecnica ed economica”, fatta “perché scadono proprio in questo periodo tra l’altro tutte le licenze relative ai sistemi operativi (31 maggio)”. A proposito: si parla naturalmente di Windows, perché “nessuno nemmeno nel 2013 ha mai messo in discussione questo sistema operativo sulle postazioni degli sistema pubblico altoatesino". Alla nostra obiezionein merito al fatto che tale aspetto non era stato evidenziato a sufficienza nel 2013 gli interlocutori tecnici ammettono per la prima volta (non sarà l’ultima) che “a suo tempo il messaggio in questo senso non fu sufficientemente chiaro” (Kurt Pöhl).
    Dopo di che i nostri interlocutori anticipano quelle che sono le tre direttrici principali del loro messaggio chiarificatore.
    1) “Il realtà il perimetro dell’intervento nell’ambito dell’informatica provinciale è molto limitato e legato alle sole funzionalità Office e della mail” (Stefan Gasslitter).
    Che aggiunge 2) “ogni tanto vengono usate espressioni funeste, dicendo che per noi l’open source è morto ma non è vero, perché dove funziona e cioè su tutta la parte server e router e una miriade di altre cose nessuno pensa di toglierlo".
    Il punto 3) sta particolarmente a cuore al direttore di ripartizione Pöhl che precedentemente è stato insegnante: “nelle scuole non parliamo di software per la didattica ma solo di quello per l’amministrazione".


    “LIBREOFFICE E’ MENO EFFICIENTE”

    Di questo Gasslitter, Pöhl e Moar sono assolutamente convinti. Non solo, ritengono che l’opinione sia condivisa anche dai fan locali dell’open source raccolti nel forum Lugbz. Per questo motivo i tecnici provinciali hanno deciso di cambiare.

    “Noi abbiamo l’obbligo di garantire un’amministrazione efficiente. Qualora il nostro operato possa liberare risorse che possano essere investite in progetti di sviluppo per l’open source noi ne saremmo ben contenti. Ma il nostro compito è quello di dare i migliori strumenti e le migliori funzionalità ai 6mila e rotti dipendenti provinciali.”

    Gasslitter azzarda anche un esempio ‘estremo’ in merito: ““se Kompatscher non riesce a stampare una delibera perché c’è un problema su Libreoffice non può che dirci che un programma deve funzionare e basta”. Alla nostra obiezione (“mi dite che Libreoffice ha problemi a stampare?”) Gasslitter replica, ampliando il discorso e facendo altri esempi ‘lampanti’.

    “Io posso portare le esperienze dei gruppi Rubner e Leitner, due realtà importanti del settore privato. Entrambi sono passati da OpenOffice ad Office 365. Tutti i giorni avevano piccoli problemi….”

    Seconda obiezione: in occasione dei problemi ma non è che si tratti spesso anche di deficit di competenza da parte degli operatori? Gasslitter conviene: “beh, si tratta sempre di una combinazione delle due cose, ma resta il fatto che noi dobbiamo garantire che le persone possano lavorare in maniera efficiente”. E non può mancare a questo punto un riferimento al mitico call center per le richieste di aiuto informatico da parte dei dipendenti della Provincia, recentemente trasferito a Napoli (“se riduciamo il numero delle chiamate ed i tempi di inefficienza vuoi dire che siamo sulla strada giusta”).


    L’INTERFACCIA DI OFFICE 365… TROPPO DIVERSA DALLE ABITUDINI?

    A parlare in questo caso è Christoph Moar.

    “Su questo tavolo ci sono 2 cellulari Android, 1 pc Windows, 1 Mac e probabilmente qualcuno ha un iPhone e un tablet. Oggi non siamo più nella situazione del ventesimo secolo in cui Office era una suite di produttività. Allora tu lavoravi con la tua unità personale. Oggi si parla di collaboration suite perché si parla di ‘ambienti distribuiti’ e di documenti condivisi anche su dispositivi diversi. Che per funzionare devono avere un’interfaccia responsiva, che oggi è state of the art.”

    Insomma. Delle nuove interfacce, compatibili con i device mobili non si può fare più a meno, neppure nella pubblica amministrazione. E il direttore di ripartizione Pöhl ribadisce e integra: “la scelta non è tra Libreoffice o altro ma il cloud. E’ lì che si trova la nuova efficienza e la scelta sinonimo di innovazione”.
    Moar quindi ne approfitta per fare di nuovo riferimento al mondo del privato.

    “Una volta lavoravi per un’azienda e questa ti dava il cellulare e il pc. Oggi si lavora anche da casa, ognuno usando il proprio dispositivo personale, il cosiddetto 'bring your own device'. Per tutte le aziende è una fase di transizione in cui sono gli operatori con i loro dispositivi ad entrare nella rete o nel cloud aziendale. E in questo contesto a livello mondiale oggi ci son due grandi player: Google Apps for business (Apps for Works) e Office 365. Ci sono naturalmente altri 100 piccoli provider di questi servizi ma tutti non hanno al momento una rilevanza di mercato tale da poterli consigliare come investimento.”


    MA QUAL E’ STATO IL PERCORSO PER ARRIVARE ALL’ATTUALE SOLUZIONE?

    In sostanza La decisione è frutto dell’IT Governance istituita lo scorso anno dall’assessora Deeg che ha riunito tutta l’amministrazione attorno ad un tavolo, per evitare doppi investimenti. “E soprattutto per andare nella stessa direzione”, conferma Pöhl.
    MS Office 365 è stato quindi presentato su quello che è stato un doppio tavolo, da una parte tecnico economico e dall’altra politico decisionale. A quello tecnico sedevano Gasslitter per Siag, Pöhl per la ripartizione, Ennemoser del Consorzio dei Comuni, Steurer per la Sanità e Amoretti per la Regione.
    Di quello tecnico facevano parte invece oltre a Deeg, anche il direttore generale della Provincia Staffler, Schael per sanità, Schatzer per Comuni ed il segretario generale della Regione Steiner.
    La decisione è stata unanime. “Sì, - conferma Gasslitter - e purtroppo è stata giusta”.
    Come ‘purtroppo’?
    Gasslitter prima si blocca, ma poi subito riparte deciso.

    “Io posso capire che persone investano privatamente tanto tempo sull’open source e sono anche pervasi dall’idea di aver il controllo assoluto di tutto. Però la realtà la che ci troviamo ad affrontare quotidianamente è un’altra. Non ha senso investire in Linux e Libreoffice e poi non trovare a Bolzano le persone per sviluppare. Nei prossimi giorni assumeremo una persona per programmare in Linux, ma siamo dovuti andare a cercarla nel Trentino.”

    Ma come? I fan dell’open source in realtà dicono che è il dietro front dalla Provincia a pregiudicare lo sviluppo di un settore promosso a suo tempo dal Tis. E che avrebbe potuto far nascere in Alto Adige una piccola Silicon Valley….

    Moar replica prontamente: “io ho 14 dipendenti e la mia azienda lavora molto con l’open source, non riesco a trovare programmatori, me ne servirebbero altri 10…”.


    E’ UNA DECISIONE DEFINITIVA?

    “Se nel giro di 1, 2, 3 anni c’è una soluzione equivalente basata su Open Source si può cambiare. Da un giorno all’altro. Attualmente non c’è.”

    Le parole sopra riportate sono di Christoph Moar. Che ribadisce: “c’è scritto nel mio studio”. E poi polemizza: “però quasi tutti, anche i critici, lo studio evidentemente lo hanno solo scorso, non letto sul serio”.
    Dunque quando un po’ ironicamente ci eravamo chiesti nel precedente articolo se la Provincia in futuro avrebbe potuto cambiare di nuovo idea non eravamo molto lontani dalla realtà.


    COSTERA’ DI PIU’?

    “Noi abbiamo esclusivamente lavorato sul piano tecnico ed economico, non su quello politico e socioeconomico che spetta ad altri” precisa ancora Moar. E Gasslitter sfodera una formula potenzialmente in grado di far capire ai più per quale motivo il passaggio a MS Office in fin dei conti è conveniente.

    “Office 365 costa 7 euro al mese a dipendente. Un dipendente pubblico mi costa 35/40 euro all’ora. Se con Libreoffice quel dipendente mi perde anche solo 5 minuti al mese per un problema tecnico…”

    Il discorso sembra non fare una grinza. Sembra.
    Mentre Gasslitter insiste: “sono i cittadini stessi che ci chiedono di avere una macchina pubblica efficiente”.


    Il RAPPORTO CON LUGBZ

    Nel colloquio al nono piano in via Siemens c’è tempo anche per qualche stoccata. A lanciarla è Gasslitter.

    “Sul blog di Lugbz abbiamo postato la nostra disponibilità ad incontrarli. Discutere e mettere tutti gli elementi sul tavolo. Non vogliono perché abbiamo ragione.”

    E anche Moar ha le sue rimostranze da fare.

    “Si lamentano perché sono intervenuto solo una volta per spiegare le cose nel forum. Io svolgo un’attività professionale, posso intervenire solo per un discorso complessivo insieme ai miei partner, non partecipare ad eterne discussioni sui singoli aspetti. E’ stato più semplice il dialogo con i partiti di opposizione che si sono presi il tempo di ascoltare per capire. E poi non hanno più criticalo la scelta che è stata fatta. Hanno capito che abbiamo avuto ragione.”

    Le lamentele di Moar si caricano anche di aspetti personali.

    “La mia azienda ha 1,7 milioni di fatturato all’anno. Dal 30 al 50% del nostro fatturato viene fatto su sitemi open source. E il 95% della mia attività personale è su open source.”


    LA PROPRIETA’ DEI DATI E LA PRIVACY

    Gasslitter in merito mette le mani avanti: “acquistiamo attraverso una convenzione nazionale Consip e quindi sulla scia di verifiche legali già fatte”.
    Chiediamo: il sistema è certificato?
    La risposta è… nì. Infatti Gasslitter ci dice che in realtà “la questione della proprietà resta complessa”.
    Però i tre tecnici ci spiegano che davvero, la questione del sofware per Word, Excel e Mail è un aspetto marginale dell’enorme macchina di applicativi che vengono gestiti dal settore informatico della Provincia. Stiamo parlando di sistemi di contabilità, gestione contributi, analisi a Laimburg, gestionali vari, database geografici… Che costituiscono il 95% del sistema.
    E i tecnici ribadiscono, all’unisono, che sul cloud non andrà nessun dato ‘sensibile’.
    E che lo storage sul cloud sarà, comunque, “temporaneo
    http://linkis.com/salto.bz/it/article/tpMFB
    Voting 0
  8. a summary of what, so far as I can tell, helps optimize SSDs on Linux.
    http://www.ocsmag.com/2016/04/30/using-solid-state-drives-on-linux
    Voting 0
  9. chi ha rastrellato questi 30 milioni di voucher e perché? Possibile che nessuna mente illuminata del Governo si stia ponendo questa domanda e non si adoperi immediatamente per bloccare quello che è con tutta evidenza un sistema immondo di gestione e organizzazione del lavoro sopratutto dei giovani? Presidente Renzi: ma veramente pensa di trovare le coperture per garantire la flessibilità in uscita delle pensioni senza cancellare tutto questo? O vuole, invece, pagarli lei i contributi per tutti?
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/...-non-risulta-da-nessuna-parte/2687488
    Tags: , by M. Fioretti (2016-05-02)
    Voting 0
  10. Quando i denunciati erano 'normali' cittadini tedeschi le brutalità della Gestapo erano quasi inesistenti, il che confermerebbe l’idea per cui il sistema di terrore nazista, «se mostrava il suo volto feroce nei confronti di uno specifico gruppo di oppositori, esibiva un volto umano e più professionale nei confronti dei comuni connazionali». A questo proposito l’autore ricorda la circostanza, quasi incredibile, che il direttore della Gestapo, Heinrich Müller, si iscrisse al partito unico solo nel 1939 e che tutta la catena operativa di funzionari e burocrati di questa polizia segreta non era formata solo da fanatici nazisti, ma da servitori dello Stato in buona parte formatisi professionalmente nella repubblica di Weimar.

    Lo studio dello storico britannico si inserisce dunque nel solco di un parziale revisionismo attento a ricostruire, nelle pieghe delle più approfondite ricognizioni documentarie, le ragioni del consenso sul quale il regime di Hitler poté contare, dentro la società germanica del tempo, per effetto della forza ipnotica e di fascinazione esercitata dalla narrazione nazista.

    Resta da evidenziare che McDonough, nel suo volume, dedica spazio considerevole al tipo di resistenza che le confessioni cristiane di Germania, tanto quella riformata, a cui aderiva il 66% della popolazione, quanto quella cattolica romana, opposero al regime di Hitler. In campo protestante fu soprattutto la cosiddetta “Chiesa confessante” (la quale rivendicava uno spazio di libertà dai condizionamenti del sistema totalitario, rompendo la continuità rispetto alla lunga tradizione di “Chiesa di Stato”, o meglio dei principi, che il luteranesimo incarnò) ad animare un braccio di ferro con il potere nazista. Questa dissidenza scatenò la Gestapo che tuttavia fu misurata nel procedere agli arresti e alle deportazioni dei pastori.

    La reazione fu invece più agguerrita nei confronti dei cattolici.
    http://www.avvenire.it/Cultura/Pagine/GESTAPO-.aspx
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 1676 Online Bookmarks of M. Fioretti: Recent bookmarks

About - Propulsed by SemanticScuttle