All Bookmarks

Welcome to the online bookmarks of Marco Fioretti

13180 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting /

  1. La Motion Picture Association of America (MPAA), insieme alla National Association of Theatre Owners, ha ora emesso un comunicato con il quale segnala l'aggiornamento delle regole che governano la frequentazione dei cinema: si riconosce "il forte interesse da parte dei consumatori" nei confronti dei "dispositivi indossabili intelligenti", ma si avverte che i wearable non sono i benvenuti in sala.
    http://punto-informatico.it/4174065/P.../camcording-pirateria-si-indossa.aspx
    Voting 0
  2. La pattumiera d’Europa e non solo, si è spostata dalla Terra dei Fuochi al Nord. Anzi, i veleni industriali arrivati nel casertano e nel napoletano venivano già dagli anni ‘70,’80 e ‘90, sversati anche nei distretti settentrionali, in un area che parte dal milanese, attraversa Bergamo, si spinge fino a Brescia e finisce fino in Emilia Romagna.

    Rifiuti tossici dall’Australia, dalla Slovenia e dagli altri paesi dell’Est, finiti tutti in Lombardia. Arrivano in container ma anche su rotaie, quelle delle linee semi dismesse dei distretti industriali. I rifiuti dall’Australia arrivavano in container trasportati con delle navi attraverso l’Oceano Indiano e il canale di Suez. Si tratta prevalentemente di carichi di ceneri e scarti di demolizione con concentrazioni di cianuri, fluoruri e bauxite. Un carico arrivato a Porto Marghera e finito nel bresciano fu individuato e sequestrato ma si indaga su altri possibili carichi e rotte. Lo rivela il procuratore generale di Brescia Pier Luigi Maria Dell’Osso che aggiunge: «Viaggiano in cargo o di notte sui vagoni. Il distretto bresciano e quello contiguo milanese sono il punto di riferimento di tutto il traffico di rifiuti di ogni tipo e di ogni genere che si è spostato da Sud a Nord
    http://www.corriere.it/inchieste/inva...89a-6023-11e4-b0a9-d9a5bfba99fb.shtml
    Voting 0
  3. When linguists talk about the historical relationship between languages, they use a tree metaphor. An ancient source (say, Indo-European) has various branches (e.g., Romance, Germanic), which themselves have branches (West Germanic, North Germanic), which feed into specific languages (Swedish, Danish, Norwegian). Lessons on language families are often illustrated with a simple tree diagram that has all the information but lacks imagination. There’s no reason linguistics has to be so visually uninspiring. Minna Sundberg, creator of the webcomic Stand Still. Stay Silent, a story set in a lushly imagined post-apocalyptic Nordic world, has drawn the antidote to the boring linguistic tree diagram.
    http://mentalfloss.com/article/59665/...eyes-beautiful-linguistic-family-tree
    Tags: , , by M. Fioretti (2014-10-31)
    Voting 0
  4. La moglie è una parente? «Che razza di domanda!», direte voi. All’università di Bari, invece, indifferenti alle risate di scherno, la domanda se la pongono sul serio: d’accordo che la legge vieta l’assunzione in facoltà di «parenti e affini fino al quarto grado» ma perché mai escludere le mogli? Passi pure per i cognati, ma i mariti?
    Il tormentone di Parentopoli, all’ateneo «Aldo Moro» di Bari, va avanti da tempo immemorabile. «Per anni giornali, settimanali, libri e tv hanno elevato agli onori della cronaca i casi di alcune famiglie particolarmente portate alla carriera accademica - scrive Roberto Perotti già nel 2008 -. Nella facoltà di Economia sono noti i casi della famiglia Girone, con l’ex magnifico rettore Giovanni professore di Statistica, la moglie Giulia Sallustio, tre figli, un genero tutti docenti nella stessa facoltà; o della famiglia Massari, con Lanfranco professore di Economia aziendale, due fratelli, e almeno cinque tra figli e nipoti, a Bari e atenei limitrofi; o della famiglia Tatarano, con il padre Giovanni e due figli, tutti docenti di Diritto privato e tutti nello stesso corridoio».
    http://www.corriere.it/scuola/univers...be2-60c1-11e4-938d-44e9b2056a93.shtml
    Voting 0
  5. Gli italiani hanno ripreso a risparmiare. Per il secondo anno consecutivo, dopo la caduta seguita allo scoppio della crisi, è infatti aumentata, passando dal 29 al 33%, la quota di famiglie che negli ultimi 12 mesi sono riuscite a mettere i soldi da parte. «Il valore del risparmio è nel Dna dei nostri concittadini, anche - e forse soprattutto - in momenti difficili come questo»
    http://www.corriere.it/economia/14_ot...d04-60c5-11e4-938d-44e9b2056a93.shtml
    Tags: , , , , by M. Fioretti (2014-10-31)
    Voting 0
  6. The evidence shows that we are becoming less violent and increasingly more tolerant, that we are leading healthier lives, are better fed, and that poverty around the world is declining rapidly. Taking these facts into account paints a very positive picture of how the world is changing.

    Because our endeavours to build a better future are, inevitably, linked to our perception of the past, it is important to understand and communicate the way our world has changed. Studying our world in data and understanding how we overcame challenges that seemed insurmountable at the time should give us the confidence to tackle the problems we are currently facing. OurWorldInData.org both highlights the challenges that lie ahead and demonstrates that we are indeed making the world a better place.
    http://www.oxfordmartin.ox.ac.uk/opinion/view/274
    Tags: , by M. Fioretti (2014-10-31)
    Voting 0
  7. Moderators: Is capitalism itself the cause of the problem, or can it be reformed?

    Piketty: One of the points that I most appreciate in David Graeber’s book is the link he shows between slavery and public debt. The most extreme form of debt, he says, is slavery: slaves belong forever to somebody else, and so, potentially, do their children. In principle, one of the great advances of civilization has been the abolition of slavery.

    As Graeber explains, the intergenerational transmission of debt that slavery embodied has found a modern form in the growing public debt, which allows for the transfer of one generation’s indebtedness to the next. It is possible to picture an extreme instance of this, with an infinite quantity of public debt amounting to not just one, but ten or twenty years of GNP, and in effect creating what is, for all intents and purposes, a slave society, in which all production and all wealth creation is dedicated to the repayment of debt. In that way, the great majority would be slaves to a minority, implying a reversion to the beginnings of our history.

    In actuality, we are not yet at that point. There is still plenty of capital to counteract debt. But this way of looking at things helps us understand our strange situation, in which debtors are held culpable and we are continually assailed by the claim that each of us “owns” between thirty and forty thousand euros of the nation’s public debt.

    This is particularly crazy because, as I say, our resources surpass our debt. A large portion of the population owns very little capital individually, since capital is so highly concentrated. Until the nineteenth century, 90 percent of accumulated capital belonged to 10 percent of the population. Today things are a little different. In the United States, 73 percent of capital belongs to the richest 10 percent. This degree of concentration still means that half the population owns nothing but debt. For this half, the per capita public debt thus exceeds what they possess. But the other half of the population owns more capital than debt, so it is an absurdity to lay the blame on populations in order to justify austerity measures.

    But for all that, is the elimination of debt the solution, as Graeber writes? I have nothing against this, but I am more favorable to a progressive tax on inherited wealth along with high tax rates for the upper brackets. Why? The question is: What about the day after? What do we do once debt has been eliminated? What is the plan? Eliminating debt implies treating the last creditor, the ultimate holder of debt, as the responsible party. But the system of financial transactions as it actually operates allows the most important players to dispose of letters of credit well before debt is forgiven. The ultimate creditor, thanks to the system of intermediaries, may not be especially rich. Thus canceling debt does not necessarily mean that the richest will lose money in the process.

    Graeber: No one is saying that debt abolition is the only solution. In my view, it is simply an essential component in a whole set of solutions. I do not believe that eliminating debt can solve all our problems. I am thinking rather in terms of a conceptual break. To be quite honest, I really think that massive debt abolition is going to occur no matter what. For me the main issue is just how this is going to happen: openly, by virtue of a top-down decision designed to protect the interests of existing institutions, or under pressure from social movements. Most of the political and economic leaders to whom I have spoken acknowledge that some sort of debt abolition is required.
    http://www.thebaffler.com/odds-and-ends/soak-the-rich
    Tags: , , , , by M. Fioretti (2014-10-31)
    Voting 0
  8. ​​Il giorno dei morti è la festività che la Chiesa cattolica dedica alla commemorazione dei defunti. La festa ha origini antiche, che uniscono paesi lontani per epoche e distanze. La data del festeggiamento, il 2 novembre, non è casuale.
    http://www.intrage.it/Famiglia/festa_dei_morti
    Tags: , , , by M. Fioretti (2014-10-31)
    Voting 0
  9. Papa Francesco lunedì 27 ottobre è intervenuto durante la sessione plenaria della Pontificia Accademia delle Scienze e, parlando dell’origine dell’universo, ha fra l’altro affermato: “Il Big-Bang, che oggi si pone all’origine del mondo, non contraddice l’intervento creatore divino ma lo esige”.

    Le parole del Pontefice sono state accolte con meraviglia da più parti. Nell’opinione pubblica infatti esiste un divario fra la sfera religiosa e quella scientifica. Nei più soggiace la convinzione che il pensiero religioso sia inconciliabile con quello scientifico e non poche persone affermano di credere alla scienza, ritenendo di mettere la parola “fine” sulle credenze religiose. Ma le cose stanno davvero così?

    In realtà, se si indaga un po’ più a fondo, si scoprirà che la teoria del Big Bang è stata formulata nel 1927 dal sacerdote belga Georges Edouard Lemaître che parlò di “ipotesi dell’atomo primigenio”. Solo una ventina d’anni dopo, lo scienziato Fred Hoyle diede a questa teoria scientifica il nome di Big Bang, col quale oggi è nota.

    Ma quello del Big Bang non è l’unico caso di teoria scientifica nata grazie al contributo di un religioso. Se si va a sfogliare un libro di storia della scienza, si potrà vedere come il pensiero cristiano abbia notevolmente influito sulla nascita e sullo sviluppo di questa disciplina.
    http://www.ancoraonline.it/2014/10/29...-contribuito-nascita-sviluppo-scienza
    Voting 0
  10. Non è un caso che soltanto in Italia le discariche siano così diffuse. Qui il 51% della spazzatura finisce sotto terra, contro il 38% in Europa. Dove gli inceneritori smaltiscono il 40% dell'immondizia, contro il nostro 34%. E si brucia il 22%, a fronte del 15 in Italia. In Danimarca e Olanda le discariche non esistono. In compenso, i danesi hanno 31 inceneritori, come gli svedesi. Trentuno per sette milioni di abitanti, mentre l'Italia ne ha 49 per 60 milioni di persone. In Germania sono 70, ma distruggono quattro volte il quantitativo che si brucia da noi. La Francia ne ha 130.
    http://www.dagospia.com/rubrica-3/pol...l-italia-senza-inceneritori-39430.htm
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 1318 Online Bookmarks of M. Fioretti: Recent bookmarks

About - Propulsed by SemanticScuttle