All Bookmarks

Welcome to the online bookmarks of Marco Fioretti

16941 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting /

  1. Alcuni sostenitori del No affermano spesso che il nuovo Articolo 70 della Costituzione non consentirebbe in realtà di superare il bicameralismo paritario, perché il Senato manterrebbe un’ampia competenza su molti provvedimenti.

    In realtà, con la riforma, il bicameralismo paritario sopravvive per un numero limitato di materie, previste dal nuovo Articolo 70 della Costituzione. Si tratta di un elenco di materie che hanno a che vedere con le regole del gioco e col funzionamento delle istituzioni, per loro stessa natura “una tantum” o quasi. Sono infatti bicamerali:
    http://www.bastaunsi.it/riforma-costituzionale-supera-bicameralismo
    Voting 0
  2. Chi sono dunque i “tattoo-pentiti”? Per prime le volubili donne (54%) che battono i più abitudinari uomini (46%). Ma soprattutto manager e professionisti nella fascia 30-40 anni (65%). Vuoi mettere l’effetto che fa, durante un cda in azienda, arrotolarsi le maniche della camicia e scoprire un braccio degno di un cantante rock?

    La second life non sarà per tutti la stessa, avverte una ricerca condotta da Quanta System Observatory su circa 2 mila italiani tra i 18 e i 60 anni. Dei 6 pentiti su 10 il 41% vuole sostituire il tatuaggio, il 34% lo vuole modificare mentre il 25% se ne vuole sbarazzare. “L’80% della mia attività clinica è rappresentata da pazienti che si sono pentiti – sottolinea il dermatologo Valerio Pedrellii, esperto in tattoo-changing dello studio medico Ink Removal Milano – tatuarsi è una moda e, come tutte le mode, tende a stancare le persone. Questo sentimento tocca sia gli uomini sia le donne, la differenza è che solitamente la donna si pente del soggetto mentre l'uomo delle dimensioni del tatuaggio”
    http://www.repubblica.it/cronaca/2016..._pentiti_del_tatuaggio-144886983/?rss
    Tags: , by M. Fioretti (2016-07-27)
    Voting 0
  3. it remains to be seen whether desktop manufacturing will truly go mainstream. It would take massive scale to change the global manufacturing paradigm, in which currently the cheapest way to produce many basic goods is to make them in distant factories and transport them across the world on container ships. Applestone, for her part, seems to have drawn back from the consumer market with the release last month of the Othermill Pro, a faster, pricier model that allows users to make tinier, more precise cuts.

    Even so, she remains steadfast in the belief that the maker movement must become a mass movement. She envisions “CNC everything“—computer-controlled power tools for consumers that will smash the barrier to entry for creating physical products.

    “The role of machines like ours, and Glowforge,” Applestone says, “is that they need to be everywhere. You need the people that have the ideas to have the tools. Otherwise it’s too slow.”
    http://fortune.com/2016/07/14/3d-print-maker-movement
    Voting 0
  4. I’m always impressed with unique applications of 3D printing, but according to G4S, a global security firm, there’s a new, darker application being used.


    The threat is pretty simple, really: cargo shipments are usually stored within sealed containers. These containers are “officially sealed” with security devices, which, if opened prematurely, indicate someone’s been inside the container.

    This is the idea: 3D print a replica of the cargo seal; Break into the container and remove / replace the contents; apply the counterfeit cargo seal to the container and no one will notice the goods are missing until it’s too late. At the point of discovery it will be nearly impossible to identify when or where the theft occurred, making it very difficult to apprehend the perps.

    And, according to G4S, it’s worse than that: you can also 3D print replicas of security keys or other tools to assist gaining access to shipments.

    G4S says that thieves can either print the parts themselves, or send the 3D model to any number of 3D print services to have them made in the correct materials.
    http://www.fabbaloo.com/blog/2016/7/2...utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter
    Tags: , , by M. Fioretti (2016-07-27)
    Voting 0
  5. Legalizzare non equivale a liberalizzare. Se qualcosa viene liberalizzato, se ne crea un libero mercato privato legale. Se qualcosa viene legalizzato ma non liberalizzato, il settore pubblico ne detiene il monopolio ma non è permesso costruirci sopra un business privato.

    Nel caso del gioco d’azzardo, riteniamo superficiale la teoria che la liberalizzazione sconfigga il mercato nero e riteniamo sbagliato sopravvalutare le differenze tra il mercato legale e il mercato nero. Sospettiamo che un discorso simile sia applicabile anche alle sostanze stupefacenti: qualcuno crede forse che se venissero liberalizzate a gestire i grandi flussi di sostanze dai Paesi produttori a quelli consumatori e a organizzarne la distribuzione locale sarebbero personaggi molto più rispettabili di quelli che lo fanno oggi?

    Noi proponiamo che il gioco d’azzardo subisca una legalizzazione controllata, cioè sia tenuto come monopolio statale puro, senza fini di lucro (dunque con macchinette di concezione completamente diversa), col solo scopo di ridurre il danno e rovinare la piazza alle bische clandestine e alle mafie e di guidarne l’estinzione. La stessa cosa ci sembra necessaria per le droghe pesanti. Su queste “droghe” non ricreative, che producono dipendenze letali e fomentano alienazione sociale, non ci definiamo né proibizionisti né antiproibizionisti, bensì abolizionisti.

    Le droghe ricreative (di cui fanno parte alcune droghe quasi innocue come la cannabis e alcune droghe più pericolose come l’alcool) hanno delle specificità che rendono particolarmente insensato il proibizionismo. La distinzione tra uso e abuso in questi casi si fa marcata e riguarda l’intreccio tra l’autodeterminazione dell’individuo e le condizioni sociali. Ricordiamo che in Turchia le lotte di piazza Taksim e di Gezi Park hanno avuto tra le rivendicazioni anche la libertà di consumare alcoolici contro il proibizionismo islamista.
    http://www.senzaslot.it/legalizzazione-droghe-azzardo
    Voting 0
  6. Da questo punto di vista, al fine di far rispettare le sanzioni modificate anche di recente con la legge 221 del 2015, appare necessario adottare dal punto di vista delle nuove tecnologie strategie simili a quelle adottate da altre città, come ad esempio Pomezia (pur con le dovute differenze dimensionali), che ha recentemente installato telecamere di videosorveglianza per sorvegliare i luoghi di abbandono dei rifiuti.

    Insomma open data e smart city anche a Roma, si ma con assunzione di responsabilità (e sanzioni) per chi sbaglia.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/...-e-trasporti-servono-sanzioni/2934101
    Voting 0
  7. Today’s mainstream proponents of the circular growth economy are mostly (and, let’s assume, with very laudable intentions) contributing to the denial of this conundrum. Somehow, they suggest, businesses and industries will be able to still divert their engineers’ efficiency-seeking talents into making more profit (what else could they want to do?) — but now they’ll finally start being able to do so while at the same time consuming fewer and fewer resources not only per unit produced, but overall. That, at least, is the claim. It flies in the face, however, of the reverse phenomenon that economists seem to be uncovering at present: namely, that the only way for environmental impacts to decrease over time in a capitalist market economy such as ours is for the “engine of growth” to slow down and stop working.

    This is not an insight that business consultants and industry-financed think tanks on circular growth economics will welcome. Nor is it good news for most engineers: Their present or prospective employers may no longer be so enthusiastic about hiring bright minds to design efficiency-boosting technologies if the possibility of producing and selling more doesn’t follow. After all, businesses frankly don’t care about efficiency as a way of securing lower environmental impact — they care about it only as a way of economizing on unit costs in hopes of boosting total sales and total profits, as well as total output (lest all monetary gains be due to mere price inflation rather than higher sales volumes).
    https://carnsperger.wordpress.com/201...scovery-of-the-perma-circular-mindset
    Voting 0
  8. “Material growth must be less, or even considerably less, than 1% per annum (growth rate of global production of each raw material, primary + recycled). The recycling efficiency rate must be greater than 60%, or even 80% (proportion of material contained in waste which is actually recycled). The rate of addition to stocks must be less than 20%, meaning that the economy must discharge as waste at least 80% of the quantities of each material it consumes. The path is narrow and challenging, demanding a strict balance between three fundamental parameters, failing which it would simply become impossible to find a solution to the problem of sustainable management of non-renewable resources.

    … The richer countries therefore, as regards resource management, can and should consider and implement a ‘quasicircular’ growth: an economy with a very low level of material growth, accumulating as little as possible, and therefore proportionally generating a large quantity of waste which is largely recycled.

    … a ‘permanently sustainable’ economy cannot, to be perfectly honest, rely essentially on material growth. … our analysis acknowledges the need » to work on a transition towards a sustainable economy and to set environmental limits on human activity, in the shape not of theoretical criteria, but of criteria related to the economy’s statistical values.”
    https://blog.p2pfoundation.net/circul...ts-work-one-percent-growth/2016/07/13
    Voting 0
  9. è soprattutto l’Unione in crisi, il suo tema e quello dell’incontro. “Se è vero che l’Europa si evolve di crisi in crisi, la Brexit è una grande opportunità” azzarda. Però scandisce: “Siamo fortemente critici verso l’Unione, ma non abbiamo mai pensato di uscirne”. Ribadisce la rotta dopo il caos post-Brexit, con il M5s che nelle ore seguenti il voto si incartato su linea e reazioni, e nel quale in tanti avevano esultato per l’uscita della Gran Bretagna. “Siamo cresciuti con i valori fondativi dell’Unione, lo dico a chi ci definisce populisti ed anti-europeisti” giura.

    Poi elenca i nodi: i poveri che aumentano, in Italia e non solo, Bruxelles troppo lontana (“I cittadini non sono mai stati consultati sui provvedimenti più impattanti”). Sull’immigrazione vuole la redistribuzione dei migranti per i vari Paesi: “Ma parlare di quote suona algido”. Poi arriva la tirata anti-euro: “L’Europa della moneta unica ha abdicato al valore della solidarietà”. In fondo inevitabile, per un Movimento che ha raccolto le firme contro l’euro. E ce n’è anche per la Turchia: “Diamo i soldi per accogliere i migrani siriani a un Paese che non rispetta i diritti umani, neanche in casa propria”. Di Maio ringrazia, la gente applaude. Tocca a Spadaro, che parla dell’Unione come di “una casa che non regge”. Il candidato ascolta. Attento, al futuro.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/...e-moderato-anti-euro-convinto/2935524
    Voting 0
  10. "Non è Grillo o il direttorio che possono fare modifiche. Serve l'assemblea. Ma, per il codice civile, dovrebbero partecipare almeno tre quarti degli iscritti che oggi sono 120 mila. Dunque dovrebbero esserci 80 mila persone, dire di sì in 40 mila. Ci vorrebbe uno stadio. Ammesso che basti. In una riunione di condominio con 200 persone, già non si combina niente"

    Non si potrebbe delegare?
    "Il sistema dei delegati non è previsto. C'è la democrazia orizzontale. Servirebbe una modifica statutaria".

    Ma allora è un vicolo cieco.
    "Io penso di sì. Un cul de sac. Detto fuori dai denti: il problema è che quando è stato concepito lo statuto, non si è considerato il futuro. Con candore si è fatto questo statuto visionario, che mal si attaglia a una realtà così grande".
    http://espresso.repubblica.it/palazzo...lpa-di-statuto-ed-espulsioni-1.277690
    Tags: , by M. Fioretti (2016-07-26)
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 1695 Online Bookmarks of M. Fioretti: Recent bookmarks

About - Propulsed by SemanticScuttle