All Bookmarks

Welcome to the online bookmarks of Marco Fioretti

17901 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting /

  1. La capacità di esplorare il mondo e di avere il coraggio di scontrarsi con l’ignoto è una delle caratteristiche che decretò il successo dell’homo sapiens sulle altre specie perchè gli permise di sopravvivere a condizioni ambientali avverse, scampare ai predatori, trovare terre più ospitali.
    Nel corso dei secoli ci sono stati molti pionieri che hanno scoperto regioni o realtà fino ad allora sconosciute ma, se oggi questa possibilità è infinitamente più remota perchè tutto ci pare sia già stato scoperto, c’è comunque chi riesce a rivelare nuovi aspetti di cose già note, a raccontarle in modo nuovo, a indagare le nuove idee o a decifrare i cambiamenti in atto.
    Un esploratore, per essere definito tale, in passato doveva però aver fatto qualcosa che nessun essere umano aveva fatto prima ed essere riuscito a raccontare la sua esperienza, in modo da dare un contributo di qualche tipo alla comunità scientifica o alla cultura antropologica, spingendo il sapere ancora oltre.
    Rispetto agli uomini, le donne cominciarono tardi a esplorare il mondo perchè solo recentemente riuscirono a liberarsi dai vincoli culturali, sociali ed economici che le avevano relegate in casa per secoli.
    Il loro modo di esplorare fu comunque diverso. Meno interessate a piantare bandiere o a battere record, le donne riuscirono a penetrare meglio nei tessuti sociali, a capire più profondamente l’essenza dei luoghi e ad assaporare culture e tradizioni locali: fondamentalmente furono viaggiatrici molto più attente.
    Ecco alcuni dei nomi più interessanti:
    https://www.globetellers.com/it/2016/...sploratrici-che-quasi-nessuno-conosce
    Voting 0
  2. Il fallimento della previdenza integrativa è dimostrato anche da un fatto che salta agli occhi dalla Relazione per l’Anno 2016 della Covip, organo di vigilanza per i fondi pensione. Salta agli occhi, ma cerca di tenerlo ben nascosto la claque dei fondi pensione, bene inchiavardata nelle redazioni giornalistiche e nelle università.

    È il numero irrisorio di quanti scelgono la rendita vitalizia anziché un capitale in un’unica soluzione, arrivati all’età della pensione. Per i fondi chiusi l’anno scorso sono stati in 149 rispetto a 21.100 iscritti, per i fondi aperti 277 rispetto a 7.000, per i piani individuali pensionistici (pip) 74 rispetto a circa 19.800, ovvero meno dello 0,5%. Nel complesso il 99% prende i soldi e scappa. Solo l’1% preferisce la tanto decantata e strombazzata pensione di scorta.

    Libere scelte individuali, è l’obiezione più facile. Senza dubbio; e anche scelte sagge, perché optare per una rendita vitalizia di una compagnia d’assicurazione è molto pericoloso, in particolare nella prospettiva di vivere a lungo. Il punto però è un altro e riguarda i circa 7,8 milioni di italiani iscritti a qualche forma previdenziale. Durante la fase d’accumulo, cioè quella dei versamenti, è pacifico che un fondo pensione è gestito come un fondo comune d’investimento. Lo ammette a denti stretti anche l’industria del risparmio gestito, che però non gradisce che lo si dica. Per cui la rendita vitalizia si riduce a essere il solo aspetto previdenziale dei vari insulsi prodotti gabellati come la soluzione ideale per integrare o addirittura avere una pensione.

    Ma perché allora uno sottoscrive un fondo pensione o un pip? Nel caso migliore per uno o più dei seguenti motivi. Primo, come forma di elusione fiscale. Secondo, per scommettere il proprio Tfr sui mercati finanziari. Terzo, per ricevere un po’ di soldi a danno dei propri compagni o colleghi di lavoro. Nel caso peggiore, perché è stato truffato.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/...sione-prendi-i-soldi-e-scappa/3726097
    Voting 0
  3. On April 23, 1851, Henry David Thoreau spoke at the Concord Lyceum about the interrelationship of God, man and nature. It was the opening salvo of the modern American conservation movement. Equating sauntering with absolute freedom, Thoreau, whose “Walden” would be published three years later, ended his oration with eight words that in coming decades helped save the Maine woods, Cape Cod, Yosemite and other treasured American landscapes: “In wildness is the preservation of the world.” The sentiment became popularized when The Atlantic published Thoreau’s essay “Walking” in May 1862, with the line as the centerpiece, a month after his death.

    This July 12 will be Thoreau’s 200th birthday. Lovers of his back-to-nature musings will flock to the shores of Walden Pond to celebrate his literary greatness. I’ll be one of them. But our pilgrimages to honor Thoreau shouldn’t be confined to wood-fringed Concord. Thoreau, toward the end of his life, famously called for townships to have “a park, or rather a primitive forest, of 500 or a thousand acres, where a stick should never be cut for fuel, a common possession forever, for instruction and recreation.” A full 14 years before Congress established Yellowstone National Park (America’s first) in 1872, Thoreau, courtesy of this visionary preservationist offering, helped inspire our magnificent National Parks system. The true largess of Thoreau, then, can perhaps best be discovered by experiencing one of the outdoor temples that his “in wildness” declaration helped protect.

    Most Americans know Thoreau from reading “Walden,” with its simple assertion, “I went to the woods because I wished to live deliberately.” But it’s the “in wildness” epigram that’s near scripture for environmentalists rallying against hyper-industrialization and climate change. Just as Thoreau’s “Resistance to Civil Government” nourished the likes of Mahatma Gandhi and Martin Luther King Jr., his kinetic “in wildness” precept has electrified the literary imaginations of Barry Lopez, T. C. Boyle, Terry Tempest Williams, Bill McKibben, Wendell Berry, David Quammen, Edward Hoagland, Carl Hiaasen, Rick Bass, Gary Snyder, Louise Erdrich and other wilderness warriors safeguarding our cherished public lands.

    The environmental activist John Muir, who worshiped Thoreau — particularly the passage in “The Maine Woods” (1864) that called for “national preserves” — acknowledged that the Concord sage spurred his Yosemite protection advocacy. Often borrowing from his literary hero’s dictum, Muir harnessed Thoreau’s statement to promote his drive to save California wilderness from ruin. “Civilization,” Muir wrote, “needs pure wildness.”
    https://www.nytimes.com/2017/07/07/bo...us-wilderness-legacy-walden-pond.html
    Voting 0
  4. A well-functioning empire would produce presidential and vice-presidential candidates for both parties who (1) are experienced in running the empire, and (2) operate predictably within a narrow framework. And indeed, the US empire used to be like that. Eisenhower-Nixon gave way to Kennedy-LBJ. When Goldwater captured the nomination in 1964 with some real psycho vibes, the liberal imperial mainstream could easily crush him—because the empire, then at its height, had the breathing room to offer lots of inducements to regular Americans. Then it was back to Nixon, a competent imperial manager.

    The ascendancy of Reagan, who was just slightly less insane than Goldwater, indicated the system was under stress. Still, he was surrounded by people like George H.W. Bush and James Baker, who kept him from going off the deep end. Bush-Quayle and Clinton-Gore supervised a period of needed imperial retrenchment.

    But over the past eight years, things have truly gone off the rails. In previous times, destructive nutjobs like Cheney might have been in the room when decisions were made, but they certainly never had the final word. Yet there he is, cackling with glee as he sets fire to one after another of the empire's supporting columns. And the sane imperial managers haven't been able to do anything about it.

    The failure of the sane imperial managers—*cough* Kerry *cough* New York Times—isn't due to their own personal faults. It's because there's much less slack in the system than there used to be. The empire no longer has the means to keep itself running in a rational way while simultaneously buying lots of people off.

    Bush-Cheney have screwed up so badly there might be one last, small opening for sane managers like Obama-Biden. "Vote for us, and we'll give you a better-run empire, and, and...gay marriage!" However, while there is a long-term constituency for this, it's a pretty small one.

    So before long, there will only be two options for the people who want to run things. First, they could organize a rational liquidation of much of the empire, which would free up enough resources to create a long-term winning coalition. Second, they could go completely bugfuck nuts, and try to maintain the empire while cutting back on all social benefits and counting on the thrills of military triumph and chiliasm to keep them in power. What won't be possible is the Obama-Biden approach.

    In other words, the days of a rational American empire are drawing to a close. We'll be forced to discard either the empire part, or the rational part. And based on 10,000 years of human history, I'm guessing it's the rational part that will go.

    Whether McCain wins or not, Sarah Palin is a harbinger of the future. The fact there was no one able to prevent McCain from choosing such an obviously inadequate imperial manager, and choosing her in such a bizarre, panicked way, indicates that—as during the decline of Rome, or the last years of Saddam's regime—everyone sane has already been eliminated from the power structure. And thus we're left with nothing but the whim of whoever's clambered to the top of the Crazy Pole.

    Welcome to the Terrordome!
    http://www.tinyrevolution.com/mt/archives/002523.html
    Voting 0
  5. Poi ci sono gli affidamenti diretti, dove gli importi scendono e le gare non sono più neanche necessarie. Per conto di Roma 2024 se ne contano circa 130 in due anni. E la curiosità è che in diversi casi si ripete lo stesso, identico importo: 39.900 euro (o giù di lì), appena sotto la soglia di 40mila euro prevista dalla legge. Praticamente tutti i progetti, dall’arena smontabile al velodromo, dal parco naturalistico al bacino remiero, passando per il rifacimento dell’Olimpico, sono costati la stessa cifra. Un tanto al chilo, come al mercato. Nella lunga serie di affidamenti diretti si trova di tutto, piccoli e fisiologici acquisti di acqua, mobili o catering, o consulenze più importanti. Ad esempio i ben 36mila euro spesi per realizzare il (pessimo) sito ufficiale della candidatura, di cui ormai non resta più alcuna traccia sul web. E ancora: stampe, pubblicità, abbonamenti ai giornali, taxi, auto blu (oltre 40mila euro per le esigenze dei soli Guadagnini e Diana Bianchedi, coordinatrice del Comitato). Ci sono persino 29mila euro di taccuini Moleskine e 5mila euro di braccialetti in silicone griffati Roma 2024. Indossarli adesso sarebbe davvero fuori moda.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/...otore-di-montezemolo-e-malago/3714215
    Voting 0
  6. Ultima annotazione. «Il voto può essere modificato prima di essere effettivamente registrato — segnalano dal M5S — impedendo così il voto di scambio perché la fotografia della preferenza non ha valore probante rispetto al voto effettivamente registrato e non esiste la possibilità di entrare nel seggio con una scheda già compilata».
    http://milano.corriere.it/notizie/cro...79c-5fae-11e7-89db-f0df40559f50.shtml
    Voting 0
  7. Valuta la leggibilità applicando l'indice GULPEASE (l'unico tarato sull'italiano) e confronta le parole del testo con il Vocabolario di base. Restituisce il testo con i dati frase per frase, per poter individuare sùbito i punti critici e fare di un testo qualunque un testo comprensibile a tutti Corrige!Leggibilità introduce due innovazioni grazie alla tecnologia Imprimatur: unisce l'indice di leggibilità con l'analisi del lessico secondo il Vocabolario di base della lingua italiana di Tullio De Mauro; valuta la leggibilità frase per frase, sì da individuare a colpo d'occhio i punti da migliorare. È lo strumento ideale per migliorare la comunicazione verso i cittadini, gli utenti, i pazienti, i clienti. La naturale evoluzione del servizio Èulogos Censor, utilizzato da oltre 10.000 utenti sin dal 1999
    http://www.corrige.it
    Voting 0
  8. nformazioni sull'analisi della leggibilità
    Introduzione

    Parole e frasi corte sono correlate alla facilità di lettura e comprensione. Le parole corte sono di norma più comuni (legge di Zipf). Frasi più corte richiedono una minore capacità di astrazione da parte del lettore. L'analisi della leggibilità può essere utile per migliorare un testo aumentandone la sua accessibilità.
    Perché lo abbiamo sviluppato?

    La leggibilità indica quanto un testo sia facile da comprendere. Un testo ben scritto è più efficace, facilmente comprensibile e rapido da leggere. Ci aiuta a stimare/valutare la difficoltà di un testo per meglio pianificare le attività di traduttori e revisori. L'informazione scritta, specialmente in rete, deve essere diretta e ben strutturata. Un'analisi automatica del testo può fornire spunti per migliorarne la leggibilità.

    Tecnologia

    Leggibilità
    La leggibilità viene calcolata utilizzando l'Indice Gulpease. L'indice è stato implementato per l'italiano, l'inglese ed il francese. Per il tedesco e lo spagnolo funziona solamente l'indice di leggibilità. Se la tua lingua non è ancora supportata e sei interessato a questa tecnologia contattaci tramite posta elettronica.

    Terminologia
    Utilizza la statistica di Poisson, il metodo della massima verosimiglianza e Inverse Document Frequency confrontando il documento ad un modello della lingua di 100 milioni di parole. Usa un analizzatore morfologico probabilistico per tener conto della probabilità che una certa sequenza possa essere un termine. Raggruppa le parole in concetti minimizzando l'entropia relativa. Tuning del sistema grazie al training su centinaia di estrazioni di terminologia fatte dai nostri linguisti. Per maggiori informazioni si veda Estrazione Terminologia.
    https://labs.translated.net/leggibilita-testo
    Voting 0
  9. Why is it so empowering that Wonder Woman can dehumanize the enemy just as well as the boys who usually run wars? The feminist message here seems to be that women can be just as self-righteously violent as men. I guess if “empowerment” is just about the power of violence, this is a win, but it hardly seems a game worth playing.

    There is a bit of classic superhero movie banter/monologuing during Wonder Woman’s boss-battle with Ares in which Ares sort of raises some of these points. Don’t you see, Ares says, you and me are really the same, the Germans and the Americans area really the same, and it’s all about power and domination? No, Wonder Woman replies, I’m better than that, and so are these humans (at least the ones who aren’t Germans)– then she summons the inner strength to squash him. Subtle moral dilemma avoided. Does this kind of feminism just offer equal-opportunity nihilism?

    Well, maybe I’m getting too old-guy-grouchy about a summer popcorn superhero movie. But I would point out the trailer for another presumably empowering movie about to slink into the multiplex, Atomic Blonde. This film apparently features a sex-crazed mega-hot lesbian assassin. In the trailer we see quick cuts of Charlize Theron alternatively blowing peoples’ heads off, french kissing a sexy female spy like a thirsty snake (literally with the tongue flicking around), and writhing passionately on a bed with the same target in what can only be described as a scene from girl-on-girl supermodel soft porn. (They are, of course, supermodel hot, skinny, big-breasted, instantaneously and incandescently orgasmic babes — that is, this isn’t Mary and Sally who live down the block, but the kind of action a horny hetero cisgendered teenage boy dreams about)
    http://davidopderbeck.com/tgdarkly/2017/06/26/wondering-about-wonder-woman
    Voting 0
  10. about to experience a dramatic shift

    The demographics of the United States are changing quickly, and there is no simpler way to understand that than to look at the most common age of each race and ethnic group.

    The US Census Bureau recently released its estimates of the US population as of July 2016. Besides an estimate of the total population (325 million), the census also includes estimates of the number of people of every age within each race and ethnicity. For example, the census estimates that, as of July 2016, there were 976,288 Hispanic 15-year-olds in the country.

    Jed Kolko, chief economist of jobs site Indeed, combed through this data and came away with a fascinating insight. He discovered huge variation in the most common age—more technically, the mode—between each major racial group in the US.

    While there are more 57-year-old white people than any other age, the most common age among Asians is 28. For Hispanics, it’s 10. Perhaps most incredibly, the most common age for people in the US identified as mixed race is 0—babies that have not yet reached the age of one.
    https://qz.com/1013714/one-metric-sho...-about-to-experience-a-dramatic-shift
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 1791 Online Bookmarks of M. Fioretti: Recent bookmarks

About - Propulsed by SemanticScuttle