Tags: bersani*

107 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting /

  1. ROMA - Pippo Civati non sarà deputato, a meno di un fortunoso calcolo di resti a suo vantaggio. Per uno dei fondatori di Liberi e Uguali, leader di Possibile, la sconfitta è amara. Ed è il primo ad ammettere: "Nessuno si aspettava un cappotto del genere". Vuole evitare polemiche a caldo: "Quando si fallisce, si fallisce tutti insieme". Ma è evidente che in Leu è partita una resa dei conti e la campagna elettorale, il modo in cui sono state fatte le liste e la guida di Pietro Grasso sono sotto processo.

    Nei file che i leader hanno sottomano in questo momento ci sono i nomi dei pochi che dovrebbero entrare certamente in Parlamento con il 3,4% conteggiato. L'elenco è questo: alla Camera certi a scattare sono Stefano Fassina nel Lazio; Pierluigi Bersani; Roberto Speranza in Toscana; Laura Boldrini in Lombardia; Nicola Fratoianni in Piemonte; Guglielmo Epifani in Sicilia, Conte in Campania. Forse entrano anche Arturo Scotto in Campania e l'avvocato Michele Laforgia in Puglia.

    Per il Senato la situazione è più complessa. I calcoli su base regionale lasciano margini di dubbio. Comunque Massimo D'Alema non ce l'ha fatta. Francesco Laforgia, il giovane capogruppo uscente, candidato al Senato avendo compiuto a febbraio 40 anni, l'età necessaria, è stato eletto in Lombardia. Vasco Errani è scattato in Emilia Romagna, non per il risultato nell'uninominale bensì per il listino proporzionale. In Sicilia eletto Pietro Grasso, sempre grazie al paracadute proporzionale. E De Cristofaro in Campania.

    Una sconfitta bruciante, tenuto conto che Leu puntava alle due cifre ed era sicura del 5%. Leu, riunita stamani in via Zanardelli, attende di sapere se qualche decimale di punto abbia consentito l'elezione di Alfredo D'Attorre e Nico Stumpo.
    http://www.repubblica.it/speciali/pol...01805/?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P4-S1.4-T1
    Voting 0
  2. Liberi, forse. Ma Uguali no. Perché qualcuno, come nel romanzo di Orwell, è più uguale degli altri, in queste liste che certificano, complessivamente, un progetto sul punto di implodere. Pietro Grasso, leader calato dall'alto, planerà su due proporzionali sicuri, in Sicilia e nel Lazio. E al momento non risulta candidato, unico leader nel panorama nazionale, in nessun collegio uninominale.

    Racconta più di un presente al tavolo delle liste che c'è "un clima pesante, carico di tensione", frutto anche di una rivolta dei territori. Piovono lettere e documenti di dissenso dalle regioni, dove sono paracadutati diversi big da garantire. In Sardegna, in queste ore, c'è il rischio che la lista non sia presentata: il casus belli è stata l'esclusione di due uscenti, Yuri Marcialis e Michele Piras, e l'imposizione dall'alto di Claudio Grassi, il responsabile organizzazione di Sinistra Italiana, nato a Reggio Emilia. Non è un caso isolato. Dall'Abruzzo è partito un documento per esprimere "indignazione e rabbia" di fronte a "due capolista imposti con inaccettabili forzature da parte del gruppo dirigente". Il primo è Celeste Costantino, nata a Reggio Calabria e residente a Roma. L'altro è Danilo Leva, molisano. Mentre non compare nelle liste il deputato uscente, alla prima legislatura, Gianni Melilla. Stesso andazzo in Sicilia e Calabria, dove Nico Stumpo si è candidato, per sicurezza, capolista in entrambi i proporzionali. Qualcuno, al termine dell'ennesimo tavolo, ha urlato: "Io me ne vado alla lista di potere al popolo".
    http://www.huffingtonpost.it/2018/01/...re_a_23341254/?utm_hp_ref=it-homepage
    Voting 0
  3. I mercati finanziari vedrebbero una conferma di un «trumpismo» che contagia anche l’Italia: sebbene con Donald Trump alla Casa Bianca sia difficile prevedere quali effetti produrrebbe una vittoria del No. È più facile scommettere che in quel caso Matteo Renzi si presenterebbe dimissionario al Quirinale. E non soltanto perché lui stesso l’ha dichiarato o fatto capire più volte, con una miscela di imprudenza e di ingenuità. Il problema è che, se non lo facesse, rimarrebbe a Palazzo Chigi alla guida di un governo finito: non solo non eletto, ma logorato dal voto chiesto da lui. Avere inchiodato per trenta mesi il Paese per approvare riforme bocciate dal popolo lo delegittimerebbe senza appello.

    Le spinte per tornare a un sistema proporzionale, anche se temperato da un qualche premio per la coalizione vincente, sono forti. Ma soprattutto, si va radicando la convinzione che in un Parlamento con partiti rappresentati su base proporzionale, un predominio del Movimento 5 stelle diventerebbe impossibile. Nessuna formazione potrebbe prendere il controllo del Parlamento e del governo avendo appena un terzo o poco più dei voti. La frammentazione e la pluralità dei partiti diventerebbero non solo un handicap ma una garanzia. Dunque, il secondo paradosso è che il No probabilmente finirebbe per ridurre e non accentuare il rischio di un’egemonia di Grillo. Sono scenari, non previsioni. La parola decisiva sarà quella del capo dello Stato, Sergio Mattarella. Spetterà a lui tirare le conclusioni politiche e istituzionali di un referendum da metabolizzare in fretta.
    http://www.corriere.it/referendum-cos...48c-acfa-11e6-afa8-97993a4ef10f.shtml
    Voting 0
  4. Se non fosse che stiamo parlando di Costituzione, cioè della democrazia nel nostro Paese, ci sarebbe perfino da sorridere increduli.

    La notizia che il Partito democratico vota in sostanza da solo fondamentali modifiche costituzionali, in un Parlamento semivuoto con le opposizioni sull’Aventino, dopo una giornata di scontri e perfino di botte, farebbe saltar dalla sedia De Gasperi, Togliatti, Pertini, forse perfino Cossiga.

    Chiunque abbia un po’ di sale in zucca, capisce che questa è una situazione inaccettabile, un metodo di governo da caporioni e non di un partito che dovrebbe essere il baluardo della democrazia parlamentare.

    Come ci si è arrivati, lo sa solo Iddio, che conosce anche i segreti del Nazareno… Stiamo vivendo una delle vicende più oscure della recente storia politica, prima un accordo segreto dai contenuti inconfessabili tra il leader del partito che rappresenta ancora a tutt’oggi (per mancanza di alternative) il centrosinistra, e il capo decaduto ma ancora in piedi di una destra che porta la maggiore responsabilità dello sfascio del paese in questi ultimi vent’anni.
    Pubblicità

    Un accordo che si rompe intorno alla scelta del Presidente della Repubblica senza chiarire i termini reali del perché, s’intuisce che quel che era stato stabilito Renzi non l’ha rispettato, una vicende esemplare!

    Una democrazia infettata dalla mancanza di regole e soprattutto di trasparenza, una legge elettorale dichiarata incostituzionale che ha eletto un Parlamento di nominati che pretende di cambiare la Costituzione a colpi di voto, ma siamo impazziti?
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/...aso-pandora-politica-italiana/1429248
    Voting 0
  5. Neanche il tempo di smaltire la sbornia per il successo strappato da Matteo Renzi nel match del Quirinale, che il prossimo incontro bussa già alle porte. Il ring della Camera, dove martedì riprenderà l’esame della riforma costituzionale, è già pronto. Se sulla carta i numeri della maggioranza sembrano scontati, per il governo c’è almeno un motivo, anzi due, per non stare del tutto sereno. Ci sarà, del resto, da maneggiare con cautela i due emendamenti presentati dall’ala bersaniana del Pd. Il primo porta la firma di Andrea Giorgis, il secondo quella di Alfredo D’Attorre. Entrambi puntano a modificare la disciplina del giudizio preventivo di legittimità costituzionale in tema di legge elettorale partorita dal Senato. Se uno dei due emendamenti venisse approvato, anche sull’Italicum potrebbe essere richiesto il vaglio della Consulta. Emendamenti sui quali, per altro, Movimento 5 Stelle, Sinistra ecologia e libertà e i fittiani di Forza Italia hanno già annunciato la propria convergenza.

    ci sono i battitori liberi di Forza Italia che fanno capo all’ex governare della Puglia, Raffaele Fitto (18 deputati). “Assolutamente favorevoli, tanto prima o poi la Corte Costituzionale sarà comunque chiamata a pronunciarsi sull’Italicum – assicura a ilfattoquotidiano.it il dissidente azzurro Maurizio Bianconi – ovviamente parlo per me e per i fittiani perché di quello che fanno i ‘Nazareni’ un giorno sì e un giorno no proprio non ho idea”. Insomma, la partita è aperta, e il risultato incerto. Di sicuro c’è che un’eventuale bocciatura ‘preventiva’ della nuova legge elettorale innescherebbe un effetto domino anche sulle riforme. E per il governo sarebbero guai seri.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/...ro-mandare-litalicum-consulta/1406187
    Voting 0
  6. PrevNext

    Le altre opzioni

    Oltre a Mattarella, che lo soddisfa appieno, Bersani aveva in mente altri nomi. «Anche Amato era un candidato di altissimo livello. Renzi ne temeva l’impopolarità. Gli ho detto che metà degli schizzi di fango li avrei presi volentieri io; ma lui non intendeva prendersi l’altra metà». Prodi? «Ho avvertito Renzi che se cedeva su Mattarella avrei rilanciato Romano. Non ha ceduto». Quanto agli ex segretari Pd e Ds, «ho avvisato Matteo che c’erano rivalità e beghe interne al partito precedenti alla sua gestione, e pure alla mia. Quel che potevo fare era semplicemente chiamarmi fuori io dal novero dei candidati».
    Mattarella, sostiene Bersani, «se tutto va come deve andare sarà un ottimo presidente. È un giurista. Non è uno che fa passare qualsiasi cosa. Certe sciocchezze incostituzionali non le farà passare».

    Il discorso cade sull’Italicum. «Io non faccio il giudice della Consulta, non entro nel merito della costituzionalità. Ma questa legge elettorale non ci sta bene. Chiediamo di essere ascoltati. Chiediamo di cambiare, ora che tornano alla Camera, le norme sui capilista bloccati. Altro che riconoscibilità dei candidati, qui avremo collegi enormi: ad esempio Piacenza e Parma, 600 mila elettori; solo la lista che prende il premio di maggioranza eleggerà parlamentari con le preferenze. Gli altri sono tutti nominati.
    http://www.corriere.it/politica/15_ge...f6e-a917-11e4-96d4-6a68544c2eeb.shtml
    Voting 0
  7. Sulla questione dei 101 si è più volte espresso anche Pippo Civati. Che almeno fino alla fine del governo Letta, non aveva dubbi: per scoprire chi erano i 101, diceva, bastava scorrere l’elenco di ministri, viceministri, sottosegretari e presidenti di commissione scelti alla nascita del primo governo di larghe intese. Insomma, quelli che avevano tratto vantaggio immediato e diretto dal siluramento di Prodi, che aveva portato all’accordo con Berlusconi e alla successiva spartizione. Non so se Civati la pensa ancora così, ma credo di sì. Sono certo che non si fa influenzare dal fatto che alcuni di coloro che stavano con il governo Letta, oggi gli sono a fianco nelle critiche verso Renzi.

    In sintesi, ovviamente, io non so chi sono i 101. Ma temo che nel Pd quasi nessuno sia innocente, come appartenenza di corrente.
    http://gilioli.blogautore.espresso.re...ella-vecchia-storia-dei-101/?ref=twhe
    Tags: , , , , , , by M. Fioretti (2015-01-24)
    Voting 0
  8. C’è uno sbaglio nel modo in cui i tassisti affrontano la questione delle licenze. Le licenze sono limitate e assegnate dai comuni gratuitamente, successivamente si apre quello che può essere considerato un mercato nero“, dice Arese Lucini. “I tassisti attribuiscono un valore alle licenze e le vendono a chi vuole entrare; in questo modo le licenze non vengono comprate dai Comuni ma tramite un mercato nero dagli altri tassisti. L’errore è stato accettare una prassi illegale. La liberalizzazione ci dovrebbe essere da anni e farebbe bene al mercato: Bersani ci ha provato, Monti ci ha provato, recentemente l’Agcm, ossia il garante per la competizione, ha fatto una segnalazione dicendo che i taxi e i noleggi con conducente devono essere pienamente comparabili e competitivi”.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/...onisti-uberpop-rimborso-spese/1182293
    Voting 0
  9. Per anni il Partito democratico – prima con Walter Veltroni, poi per un breve lasso di tempo con Dario Franceschini, e, infine, con la segreteria di Pier Luigi Bersani – ha ripetuto fino allo sfinimento che una volta giunto al governo avrebbe reintrodotto le preferenze perché “ai cittadini deve essere garantito il diritto di scegliere i parlamentari”. E oggi, si lascia andare più di un deputato in Transatlantico, “non esiste che dall’opposizione Berlusconi debba decidere se introdurre le preferenze o meno”.

    Ecco perché i mugugni delle ultime settimane si sono trasformati in vere e proprie prese di posizioni. Così all’indomani dell’incontro tra Renzi e Berlusconi – incontro che avrebbe sancito il rispetto del Patto del Nazareno senza, però, le preferenze – la minoranza uscita dal congresso tiene a precisare che la discussione sull’Italicum, e, per l’appunto, sul diritto di scelta dei cittadini è “aperta, apertissima”. “Quando il gioco si fa duro le partite politiche sono aperte”, dice a ilfattoquotidiano.it il senatore bersaniano, Miguel Gotor. Il quale, assicura, che “non è possibile ridurre la democrazia italiana a un Senato di secondo grado (come è giusto che sia un Senato delle autonomie) e a una Camera di nominati. A questo punto bisogna restituire il diritto di scelta ai cittadini per evitare una chiusura oligarchica della democrazia italiana. E i modi sono due: o i collegi uninominali, o l’introduzione della doppia preferenza di genere.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/...e-non-puo-decidere-berlusconi/1050575
    Voting 0
  10. Superato il trauma da retata invocano tutti l'emergenza cantieri. La grande paura è che l'indignazione provocata dall'inchiesta li colpisca nelle urne il 25 maggio. Imperativo è accelerare i lavori per evitare ritardi, dicono tanti politici a margine dei loro comizi elettorali. Renzi in testa. A Milano atteso anche Grillo che pur di soffiare sul fuoco fa saltare il restitution-day: "L'Expo dei corrotti si deve fermare". La difesa di Forza Italia: "Su tangenti esagerazioni, non ci riguarda”. Garantisce il condannato Silvio

    L’imperativo categorico ora è uno solo, “non fermare l’Expo”. Dopo l’iniziale choc da retata, la politica sta reagendo all’inchiesta milanese che ha portato in carcere gli affiliati della “cupola” degli appalti: chi nega, chi minimizza. E chi con surreale impeto accusa i magistrati di esagerare. E lo fa da condannato in via definitiva. Ma una linea generale si sta imponendo rapidamente, forse per tamponare il rischio che – a una manciata di giorni dalle elezioni europee – l’ombra di una nuova Tangentopoli colpisca nelle urne i partiti lambiti e citati nelle carte. Del resto, in manette sono finiti due ex parlamentari di Forza Italia, il compagno G che risulta ancora iscritto al Pd, l’ex segretario Udc in Liguria Sergio Cattozzo. Poi quel contorno di “aderenze” con esponenti politici d’ogni grado e colore, che la cricca sperava di utilizzare come sponda per continuare a dirottare gli appalti, premiando l’avanzamento di carriera di chi, dentro la macchina Expo, sapeva aggiustarli.

    Nelle ultime 24 ore ha preso corpo l’orientamento di tamponare risolutamente la falla mentre dal carcere arrivano le prime confessioni degli arrestati. Prima di tutto in difesa del buon nome della “ditta”, perché tocca sempre “distinguere le reponsabilità personali”, poi in nome di quell’Expo che “non si può fermare”. Perché, dicono quasi all’unisono leader e comprimari, “quello è il vero interesse del Paese”.

    Renzi , il Pd e il governo: parola d’ordine, guardare avanti

    E’ la linea annunciata dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, oggi a Milano, epicentro della bufera giudiziaria: “Fermiamo i delinquenti, non i lavori. L’Expo è una grandissima opportunità per gli italiani“. E’ poi la stessa del Pd che vive giorni di grande imbarazzo, a partire dalla ribalta di Primo Greganti, l’ufficiale di collegamento tra la nuova inchiesta e la vecchia Tangentopoli. Ieri si è appreso che il “compagno G”, tornato dopo 21 anni al centro delle cronache giudiziarie, non ha mai reciso gli antichi legami. Tanto da essere iscritto al circolo Pd di San Donato-Parella (Torino). E sospeso, solo ieri, dal partito. Le carte lambiscono anche il sistema delle Coop, che proprio in Greganti aveva il suo “curatore d’interessi”. E’ qui che spunta anche il nome di Bersani, in una conversazione tra Frigerio e Rognoni in cui il primo sostiene che l’ex segretario del Pd avrebbe chiesto se nelle gare c’era da guadagnare anche per le cooperative.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/...a-tangentopoli-calano-le-ruspe/983026
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 11 Online Bookmarks of M. Fioretti: tagged with "bersani"

About - Propulsed by SemanticScuttle