mfioretti: napoli* + rifiuti*

Bookmarks on this page are managed by an admin user.

8 bookmark(s) - Sort by: Date ↓ / Title / Voting / - Bookmarks from other users for this tag

  1. Caivano, a Casale di Principe, a Qualiano stanno venendo alla luce bidoni pieni di veleni interrati da qualche decennio in campi coltivati. La gente è nel panico. La paura è tanta. Le patologie tumorali aumentano a dismisura. Le persone muoiono. Lo Stato è lento. Negligente. Pigro. La gente non ne può più.

    occorre avere una mappa certa dei terreni avvelenati, di modo che si possa continuare a coltivare con serenità i terreni sani e togliere alla care mamme l’ansia di non sapere se il cibo che hanno tra le mani nutra o avveleni i loro figlioli. Poi, occorre avere la tracciabilità di tutti i veicoli che entrano in Campania. Non è possibile che un Tir attraversi mezza Italia con un carico di morte senza che venga bloccato. Le campagne a rischio debbono essere videosorvegliate. Bisogna pensare alle bonifiche e inasprire le pene per chi inquina, impedendo che questi reati odiosi cadano in prescrizione. Occorre vegliare per non permettere agli avvelenatori di trasformarsi in “bonificatori”.

    Infine, occorre fare immediatamente chiarezza sul nesso di causalità tra rifiuti tossici e aumento di patologie tumorali in Campania. Lasciare liberi i movimenti di risveglio popolare da ogni tentativo di accaparramento politico è un bene per tutti.
    http://www.restoalsud.it/2013/10/30/s...alle-hanno-caricato-i-rifiuti-tossici
    Voting 0
  2. Una città sotto ricatto. Ecco cos'era Napoli nel 2010 mentre soffocava a causa dei miasmi della “monnezza”, ma c'era chi ci lucrava. E non era la criminalità organizzata del Sud, ma un'azienda guidata da un imprenditore veneto. Da quel Nord, che ai tempi dei roghi di rifiuti,metteva sotto processo l'amministrazione Jervolino e il modello campano. Chi ci guadagnava dal disastro partenopeo era, invece, la “Enerambiente Spa”, azienda tutta veneta che dal 2005 al 2010 ha gestito il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani in gran parte della città di Napoli e al cui vertice siedeva Stefano Gavioli, 55enne veneziano residente a Treviso. Il gioco era ben collaudato e ben oliato. La situazione di emergenza rifiuti a Napoli, secondo quanto portato alla luce dal Nucleo tributario di Napoli e dalla Digos, su cui indaga la Procura, era creata ad arte per paralizzare la raccolta di rifiuti in città e costringere Asia, l'azienda municipalizzata locale e il Comune di Napoli ad acconsentire alle pretese economiche di Enerambiente, che invece ha oggi un buco di 50 milioni di euro.
    http://www.ilgiornaledivicenza.it/sto...fica_di_arresti_in_veneto/?refresh_ce
    Voting 0
  3. E' un attacco su due fronti, gli scarti industriali pericolosi che illegalmente arrivano in Campania dal nord e gli scarti delle fabbriche del sud che lavorano in nero e quindi in nero smaltiscono: "Ogni giorno - scrive l'oncologo Antonio Marfella su facebook - noi dobbiamo registrare in falda profonda i tossici, tipo cianuro, che vi hanno sversato dalle industrie del nord. Ma ogni giorno nella 'Terre dei fuochi' si lavora in nero e si sversano nei campi i solventi e gli sverniciatori del settore merceologico della produzione in nero di scarpe, borse e tessili. Questi non sono veleni del nord, questi sono i veleni prodotti nelle nostre zone dove non si rispetta l'uomo e il suo lavoro".
    La "pattumiera d'Italia": fra disastri ambientale e morti sospette

    Disgustato anche padre Maurizio Patriciello, il don che da tempo ormai si batte affinchè alla "Terra dei fuochi" venga riconosciuta un pò di dignità. "Il 'Dramma Caivano' deve diventare un caso nazionale - scrive sulla sua pagina facebook - Altri pozzi sequestrati. Acqua al veleno. Acqua avvelenata. Acqua velenosa.
    http://casoria.napolitoday.it/caivano/pozzo-inquinato-caivano-reazioni.html
    Voting 0
  4. Le ordinanze di custodia (3 in carcere e 19 ai domiciliari) riguardano il Sistri il sistema di tracciabilità dei rifiuti
    http://www.corriere.it/cronache/13_ap...ada-a727-11e2-ae64-724b68a647ec.shtml
    Tags: , , by M. Fioretti (2013-04-17)
    Voting 0
  5. Dovranno risarcire al Comune 560.893 euro a testa. La magistratura contabile ritiene responsabili tre ex sindaci e quattro ex assessori alla Nettezza Urbana. Per anni centinaia di lavoratori dei consorzi di bacino pagati per non fare nulla
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/...ssolino-e-iervolino-condannati/515440
    Tags: , , , , , by M. Fioretti (2013-02-28)
    Voting 0
  6. Tra Caserta e Napoli ogni giorno vengono bruciati materiali nocivi che fanno aumentare tumori e malattie respiratorie. Ma nessuno dice nulla. Per paura che l'allarme faccia crollare i valori di terreni e fabbricati
    http://espresso.repubblica.it/dettagl...-campania-peggio-di-fukushima/2186895
    Voting 0
  7. Lo Stato italiano, a partire dal 1994, non è stato capace di gestire adeguatamente l'emergenza rifiuti in Campania ed è stato condannato per questo dalla Corte dei Diritti dell'uomo di Strasburgo sulla base di un ricorso presentato da 18 cittadini di Somma Vesuviana
    http://napoli.repubblica.it/cronaca/2...e_dei_diritti_dell_uomo-27865898/?rss
    Voting 0
  8. Crescono i comitati che propongono l'obiezione fiscale;La gente ormai si sente presa in giro. Il procuratore Lepore: I cittadini sono rassegnati ma servirebbe uno scatto d'orgoglio
    http://napoli.repubblica.it/cronaca/2...iamo_di_pagare_le_tasse-10607565/?rss
    Tags: , by M. Fioretti (2011-12-16)
    Voting 0

Top of the page

First / Previous / Next / Last / Page 1 of 1 Online Bookmarks of M. Fioretti: Tags: napoli + rifiuti

About - Propulsed by SemanticScuttle